Massimo Cellino, proprietario del Cagliari dal '92 al 2014

Caso Is Arenas, due anni a Massimo Cellino

Si è chiuso il processo relativo al caso Is Arenas, per i presunti abusi legati alla costruzione dello stadio nel comune di Quartu Sant’Elena.

All’allora presidente del Cagliari Massimo Cellino sono stati comminati due anni di reclusione per le violazioni paesaggistiche, mentre sono stati assolti tutti gli altri indagati, tra cui l’ex sindaco di Quartu Contini, per l’accusa di peculato. Pena di due anni di reclusione anche per l’ingegner Andrea Masala accusato di falso nello stato di esecuzione dei lavori. Il processo del tribunale di Cagliari si è chiuso con queste sentenze che hanno ridotto la pena chiesta dai PM Enrico Lussu e Gaetano Porcu che avevano chiesto per Cellino, assente al processo, 4 anni e mezzo di carcere: lo Stadio Is Arenas costruito nel 2012 era stato ritenuto un’opera abusiva e si era inoltre contestato il fatto che l’esborso da parte del Comune di Quartu Sant’Elena costituissero un peculato ai danni delle casse comunali a favore del Cagliari Calcio. L’attuale proprietario del Brescia Calcio era già stato in carcere su ordine di custodia cautelare del GIP nel 2013.

 

avatar
500