agenzia-garau-centotrentuno
clemmons-dinamo-sassari

City of Cagliari al Baskonia: troppo Saski per la Dinamo Sassari

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Il Saski Baskonia si aggiudica il torneo internazionale City of Cagliari battendo la Dinamo Sassari per 72-84. Sugli scudi per gli spagnoli Peters e Baldwin, autori rispettivamente di 17 e 14 punti. Buona prova dal punto di vista realizzativo per Clemmons (16 pt) e Mekowulu (14+ 4 rimbalzi), quest’ultimo condizionato però dai problemi di falli.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Primo quarto
La Dinamo comincia con lo stesso quintetto della prima giornata, Clemmons, Gentile, Burnell, Bendzius e Mekowulu. Dall’altra parte, Ivanovic schiera da subito Baldwin e Simone Fontecchio, sempre accolto con calore dal pubblico del Pala Pirastu.
È Baldwin a trovare i primi due punti della partita con un semplice appoggio di mano mancina, a cui Sassari risponde con un 2/2 dalla lunetta di Christian Mekowulu. Si lotta da subito a rimbalzo e il Baskonia inizia con un altro atteggiamento rispetto alla prima partita contro Napoli, facendo la voce grossa soprattutto in difesa. Il Banco con pazienza rimane vicino e impatta sul 9 pari grazie a una tripla di Gentile. “Troppi palleggi” dice Cavina dalla panca poco prima di essere costretto a chiamare time-out per provare a fermare il parziale di 8-0 siglato dai baschi. Mekowulu interrompe la striscia avversaria e una tripla da fermo di David Logan, entrato dopo il minuto, riporta la Dinamo a -5. La squadra di Ivanovic tiene sempre il muso avanti e Granger congela il risultato sul +7 con uno stepback sulla sirena del primo quarto che termina 23-16.
Secondo quarto
Logan e Clemmons decidono di iniziare con il piede sull’acceleratore: il professore mette una tripla, il nuovo play biancoblu segna cinque punti di fila costruiti sull’intensità difensiva, e ancora il numero 3 con un piazzato dalla lunetta, firmano il primo sorpasso Dinamo sul 23-26. Baskonia chiama timeout e rimette dentro Baldwin, vera spina nel fianco per Sassari insieme a Peters, e la partita riprende a viaggiare su ritmi alti. Il minuto di sospensione fa bene ai baschi che escono più decisi dalla panchina: una difesa sempre più attenta, Peters con due triple, un gioco da 3 punti di Fontecchio e due liberi del centro Nnoko portano gli spagnoli al massimo vantaggio sul 43-31 quando il cronometro segna 3:59. La Dinamo alterna buone e cattive difese, concede alcuni rimbalzi offensivi di troppo – complici i 3 falli di Mekowulu che portano Cavina ad abbassare il quintetto – perdendo ritmo e concentrazione in attacco. Ancora Peters dall’arco fissa il tabellone sul 46-34 Baskonia, con il punteggio che non cambia nell’ultimo minuto di gioco.
Terzo quarto
La Dinamo rientra con Battle al posto di Gentile e Treier al posto di Bendzius ma è la tripla di Marinkovic a muovere il punteggio, con il serbo che poi trasforma il tiro libero guadagnato per fallo tecnico fischiato a Burnell, dopo che l’americano aveva protestato per un mancato fischio. La Dinamo continua a non trovare fluidità in attacco e si affida a Clemmons che segna 6 punti di fila. Dall’altra però il Baskonia risponde colpo su colpo, trovando a 6:31 il massimo vantaggio sul 57-40 (+17). L’ex Igokea continua ad essere il faro della Dinamo, mette una tripla e poi serve Mekowulu sotto le plance per il -12. L’alto basso ben giocato tra Burnell e il nuovo entrato Borra, porta il lungo a schiacciare subendo fallo per il -10, che poi diventa -9 grazie al libero supplementare trasformato. Cavina da spazio anche a Devecchi, mentre Ivanovic concede ancora minuti a Peters che lo ripaga mettendo dentro la sua quarta tripla della partita. L’affondata al volo di Enoch e il piazzato di Gentile fissano il risultato finale del terzo periodo sul 66-53.
Ultimo quarto
I biancoblu aprono il quarto con la tripla di Bendzius dall’angolo destro dopo una buona circolazione perimetrale. Gli uomini di Ivanovic non concedono però più attacchi facili e la Dinamo rimane in doppia cifra di svantaggio, complice anche il buon momento di Granger, in grado di segnare e gestire i ritmi della partita con la sua regia. Cavina così chiama minuto quando il tabellone segna 72-58 Baskonia, a 6:25 dal termine della partita ma la Dinamo non rientra bene: fallo in attacco di Bendzius e gioco da tre punti di Giedraitis che sembrano spezzare la partita. Battle prova con quattro punti di fila a caricarsi la squadra sulle spalle, dopo che Baldwin con un jumper aveva riportato i suoi sul +17, ma l’indirizzo della gara è già chiaro. Vince il Saski Baskonia 84-72, la Dinamo è seconda.

dall’inviato Matteo Cardia 

Saski Baskonia – Dinamo Banco di Sardegna 84-72

Parziali: 23-16; 23-18; 20-19; 18-19.

Progressivi: 23-16; 46-34; 66-53; 84-72.

Baskonia. Handzlik, Baldwin IV, Sedekerskis, Marinkovic, Cissoko, Granger, Fontecchio, Enoch, Peters, Giedraitis, Nnoko, Kuruks All. Dusko Ivanovic

Dinamo. Logan , Clemmons , Gandini, Devecchi, Treier , Chessa, Burnell , Bendzius , Mekowulu , Gentile , Battle , Borra . All. Demis Cavina

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti