agenzia-garau-centotrentuno

Corona de Logu, presentata mozione pro-bilinguismo

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Nuova iniziativa della Assemblea degli amministratori comunali indipendentisti della Sardegna.

Una mozione per incentivare l’uso del sardo, promuovendo il bilinguismo in un’ottica di tutela e valorizzazione della lingua della nostra isola. È la nuova iniziativa della Corona de Logu, l’Assemblea degli amministratori comunali indipendentisti della Sardegna, resa nota quest’oggi in concomitanza con la Giornata Internazionale della Lingua Madre istituita dall’ONU nel 1999.

Vi proponiamo il testo integrale della nota diffusa dalla Corona de Logu: “Il 21 febbraio di ogni anno è per volontà delle Nazioni Unite, dal 1999, “Giornata Internazionale della Lingua Madre”. Questa data fu scelta dall’Onu in ricordo del 21 febbraio 1952, quando diversi studenti dell’Università di Dacca vennero uccisi dalle forze dell’ordine pakistane mentre manifestavano a favore del riconoscimento della loro lingua, il bengalese, come lingua ufficiale del Pakistan.

La Corona de Logu, assemblea degli amministratori locali indipendentisti di Sardegna, lancia in questa occasione un’iniziativa e un invito a tutti i suoi membri. Considera infatti prioritario incentivare l’uso del sardo, nostra lingua madre, in tutti gli abitanti dell’isola, in ogni occasione, e in primo luogo proprio nelle amministrazioni pubbliche, che svolgono un ruolo di guida per le proprie comunità.

La mozione è stata presentata a Borore, Mamoiada, Pattada, Pirri, Ploaghe, Ruinas, Sant’Anna Arresi, Santu Lussurgiu, Silanus e Tula, dopo essere già stata discussa nel 2019 nei Consigli Comunali di Bauladu, Gairo, Macomer, Mogoro, Oristano, Pabillonis, Samugheo, Sant’Antioco, Scano di Montiferro, Serramanna, Serrenti, Simala, Simaxis, Terralba, Ussaramanna e Villanovaforru. Inoltre Macomer ha attivato l’iter per la modifica del proprio Statuto e l’inserimento della tutela e valorizzazione della lingua sarda e del bilinguismo.

La Corona de Logu propone ai suoi membri l’adozione in Consiglio Comunale di una mozione per la promozione del bilinguismo e l’utilizzo del sardo in ciascun Comune. A mozione approvata: 1) il Presidente del Consiglio comunale si impegna ad aprire ogni seduta del Consiglio comunale in sardo; 2) la Giunta comunale si impegna, attraverso lo strumento che ritiene maggiormente opportuno (convenzione con le Università, attivazione di Sportelli Linguistici, altro), a pubblicare sull’albo pretorio istituzionale le delibere della Giunta e del Consiglio in lingua sarda in lingua italiana; 3) i lavoratori del Comune si impegnano a utilizzare la lingua sarda nelle relazioni con il pubblico e con i colleghi dell’ente locale.

La Corona de Logu si augura che in futuro sempre più Comuni sardi s’impegnino nella diffusione dell’uso della lingua sarda nei rapporti col pubblico, in atti amministrativi, in occasioni ufficiali, contribuendo così alla crescita di una coscienza nazionale sarda diffusa nella popolazione e nelle istituzioni dell’isola.

 

Questa la versione in sardo:

Su 21 de frèargiu de cada annu est pro voluntade de sas Natziones Unidas, dae su 1999, sa “Die Internatzionale de sa Limba Materna”. Custa die l’at seberada s’Onu in ammentu de su 21 frèargiu 1952, cando sas fortzas de s’òrdine pakistanas aiant ochidu medas istudiantes de s’Universidade de Dacca chi fiant manifestende pro su reconnoschimentu de sa limba issoro, su bengalesu, comente limba ufitziale de su Pakistàn.

Sa Corona de Logu, assemblea de sos amministradores locales indipendentistas de Sardigna, in custa die proponet unu atu polìticu a sos sòtzios suos. Cunsìderat difatis prioritàriu a promòvere s’impreu de su sardu, limba materna nostra, in onni ocasione e, in antis de totu, in sas amministratziones pùblicas, chi acumprint unu ruolu de ghia pro sas pròpias comunidades.

Sa Corona de Logu proponet s’adotzione in Cussìgiu Comunale de una motzione pro sa promotzione de su bilinguismu e s’impreu de su sardu in cada Comunu. A motzione aprovada: 1) su Presidente de su Consìgiu Comunale s’impinnat a faeddare in sardu a s’inghitzu de onni reunione de su Consìgiu; 2) sa Giunta Comunale s’impinnat, cun su mèdiu chi cunsiderat prus oportunu (cunventzione cun sas Universidades, ativatzione de Isportellos Linguìsticos, àteru), a publicare in s’albu pretòriu istitutzionale sas delìberas de sa Giunta e de su Consìgiu in limba sarda e in limba italiana; 3) su Consìgiu Comunale preguntat a sos traballadores de sa Comuna de faeddare in sardu cun sos tzitadinos e cun sos collegas de s’ente locale.

Sa motzione ocannu l’amus presentada in Bòrore, Mamujada, Patada, Pirri, Piaghe, Ruinas, Arresi, Santu Lussurzu, Silanus e Tula, a pustis de l’aere presentada in su 2019 in sos Consìgios Comunales de Bauladu, Gàiru, Mòguru, Aristanis, Pabillonis, Samugheo, Santu Antiogu, Iscanu, Serramanna, Serrenti, Simaba, Simaghis, Terraba, Ùssara Manna e Biddanoa de Forru. In prus Macumere at ativadu su protzedimentu de modìfica de s’Istatutu pro nch’insertare s’amparu e sa valorizatzione de sa limba sarda e de su bilinguismu.

Sa Corona de Logu si augurat chi in su benidore semper prus Comunas sardos si impinnent pro s’impreu de sa limba sarda in sos ufìtzios comunales, in sos atos amministrativos e in sos addòbios ufitziales, contribuende a sa crèschida de una cussèntzia natzionale sarda in su populu e in sas istituziones de s’ìsula.

 

TAG:  Attualità
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti