agenzia-garau-centotrentuno
burnell-dinamo sassari-bamberg

Dinamo, addio Champions League! Rimonta (inutile) di Bamberg

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Una partita condotta per 37′ non è bastata a una stoica Dinamo Sassari che cede nel finale al Brose Bamberg: i biancoblù sempre più raffazzonati e stanchi che oggi hanno rinunciato all’acciaccato Kruslin, sono stati rimontati dalla squadra tedesca che ha approfittato delle poche energie e di qualche chiamata arbitrale dubbia nel finale concitato. Il Banco di Sardegna esce così dalla Basketball Champions League, così come Bamberg che doveva sperare in una vittoria di Nymburk su Saragozza.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Pozzecco ritrova Treier in quintetto al posto di Chessa confermando Bilan, Bendzius, Burnell e Gentile, ma rinuncia per precauzione a Kruslin: partenza convincente dei sardi che si porta sul 4-16 sfruttando i tanti errori dei padroni di casa in attacco e i tanti centimetri a disposizione visto il quintetto inziale in formato maxi. Il timeout di coach Roijakkers non inverte l’inerzia, la Dinamo prosegue a giocare con fiducia, Gentile infila un parziale personale di 5-0 e i suoi raggiungono anche il +16. I tedeschi trovano il tiro dalla distanza, Lockhard con due triple di fila costringe alla sospensione anche Pozzecco, poi è Treier dall’arco a chiudere sul 15-28 il primo quarto. Polveri bagnate nei secondi 10′ da entrambe le parti per i primi frangenti: le squadre si rispondono colpo su colpo fino a un’altra spallata del Banco di Sardegna con Bendzius illuminante dall’arco e con un assist pregevole per Bilan del nuovo +16. Il finale di secondo quarto è divertente, si segna tanto, Pozzecco si prende il canonico tecnico per proteste (stavolta verso il tavolo) e il risultato a metà gara è di 37-48.

Al rientro dall’intervallo è un Bamberg diverso, parziale di 11-2 e in un amen il vantaggio sassarese è dilapidato: Burnell tiene sopra la linea di galleggiamento i suoi e Chessa mette un’importante tripla del nuovo +8, ma poco dopo arriva la pessima notizia del quarto fallo di Bendzius. La Dinamo si ingolfa e Vitali segna la tripla del -2 che chiude di fatto il terzo periodo. Il quarto finale è una lotta, Bilan è un pilastro immarcabile in area per chiunque ma Bamberg rimane a contatto di riffa e di raffa trovando il primo sorpasso della gara sui liberi di Vitali a 3′ dalla sirena finale. Serie di controsorpassi nei successivi 80 secondi poi Kravish segna il +2 dopo l’ennessimo rimbalzo offensivo tedesco: dall’altra parte Bilan fa 2/2 dalla lunetta, poi Fieler segna sul backdoor il nuovo vantaggio. Nel possesso successivo Gentile penetra, palese interferenza a canestro non fischiata e dall’altra parte il fallo di Burnell. Il numero 22 protesta e gli arbitri fischiano il tecnico che di fatto chiude la gara, alla sirena è 92-86.

Matteo Porcu

Brose Bamberg – Dinamo Banco di Sardegna Sassari 92-86 (15-28, 22-20, 28-19, 27-19)

Bamberg: Vitali 17, Kravish 15, Ogbe 2, Fieler 7, Bacoul, Hall 16, Hundt, Sengfelder 9, Larson 6, Lockhart 12, Ruoff, Thompson 8.

Sassari: Bilan 20, Bendzius 15, Burnell 15, Chessa 5, Gentile 13, Happ 10, Treier 8, Kruslin, Gandini, Martis, Sanna.

 
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti