agenzia-garau-centotrentuno
clemmons-dinamo-sassari

Dinamo, buona anche la seconda: Varese sconfitta a domicilio (82-92)

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

La Dinamo Sassari fa 2 su 2 ed esce vittoriosa dalla prima trasferta dell’anno, battendo Varese 82-92 in una partita in cui è stato decisivo lo strappo nel terzo quarto dei sassaresi. Top scorer ancora una volta Logan -21 punti – e buone prove di Mekowulu – espulso nel quarto periodo, Burnell e Clemmons, decisivo con tre triple nella fase cruciale della gara.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Primo quarto
La Dinamo inizia la partita con il solito starting five: Clemmons, Gentile, Burnell, Bendzius e Mekowulu. Varese – che ritrova Caruso ma è senza il play titolare Kell, indisponibile per un infortunio alla tibia -risponde con Beane, Wilson, Alessandro Gentile, Jones ed Egbunu.
Alessandro Gentile parte subito forte con una tripla nonostante la pressione di Burnell, poi è Jones a trovare la linea di fondo vincente, prima del primo canestro Dinamo a firma dell’ala statunitense. La palla recuperata da Sassari per i primi due di Mekowulu è un piccolo fuoco di paglia: gli uomini di Vertemati partono meglio e si trovano sul 9-4 dopo quattro minuti. Stefano risponde al fratello e Sassari prova a sfruttare i mismatch tra del centro nigeriano contro Caruso ma Varese rimane comunque avanti grazie soprattutto al suo Gentile. La tripla di Wilson a 3:46 dal termine del periodo riporta la OpenJobmetis a +5, solco subito ridotto dall’arresto e tiro di Tyus Battle. I biancorossi tirano bene: Ferrero mette due triple di fila, intervallate dalla schiacciata di Mekowulu, e Demis Cavina decide di chiamare time-out sul 24-17 a 2:42 dalla prima sirena. La Dinamo prova ad allungare la difesa, Logan con il runner, Bendzius aggiunge un libero e poi ancora il Professore da tre riportano la Dinamo fino a -1 ma Gentile, con un arresto e tiro dalla lunetta, fissa il punteggio del tabellone sul 26-23.
Secondo quarto
La Dinamo inizia con l’ex Gandini in campo per far rifiatare Bendzius ma è subito Logan a riprende il suo lavoro aprendo il periodo con una tripla fulminea che ristabilisce la parità. Dall’altra però è ancora Gentile a riportare avanti i suoi, andando in doppia cifra dopo poco meno di dieci minuti in campo. La partita è fisica nonostante le alte percentuali, Battle va in lunetta e fa due su due consegnando a 7:37 il primo vantaggio al Banco, cancellato ancora una volta dal fratello di Stefano. Burnell è più dentro ai meccanismi offensivi ma non riesce a ben arginare il miglior marcatore varesino, Logan invece va in doppia cifra appoggiando al ferro, per poi confermarsi con un’altra tripla, dimostrandosi ancora una volta principale opzione offensiva di Sassari. L’ala sassarese ex Cantù ruba palla dopo l’errore al tiro di Bendzius, riconsegnando al lituano un comodo pallone che vale il +5. Varese, tuttavia, ricuce lo svantaggio con Egbunu e con il solito Gentile che tocca quota 21 quando mancano più di due minuti alla fine del quarto. Varese alterna zona e uomo confondendo le idee offensive di Sassari e trova il pareggio sul 45 pari grazie a una schiacciata di Beane sopra la testa di Mekowulu. Il 2/2 dalla lunetta del centro sassarese consegna però il vantaggio definitivo sul 45-47 alla Dinamo, che chiude il primo tempo tirando poco da tre ma bene – 4/5 – e con due sole palle perse, in controtendenza rispetto alla gara contro Cremona.

Terzo quarto
La Dinamo inizia con gli stessi cinque del quintetto base. Clemmons trova i primi punti della sua gara con una tripla dall’angolo ma anche Varese inizia forte, con Egbunu e Jones a fare la voce grossa sotto canestro. La partita continua ad essere in equilibrio fino a quando Sassari stringe le maglie in difesa e il playmaker americano ex Igokea mette sei punti di fila che scavano il primo piccolo divario, grazie a un tiro in avvicinamento e a un gioco da quattro che fissano il risultato sul 52-58. Sul fallo ai danni di Mekowulu, altro problema per la difesa di Varese, Vertemati decide di parlarci su e tentare di bloccare lo sprint della Dinamo. Mekowulu fa 1/2 dalla lunetta e Jones fa respirare i suoi svitandosi sulla linea di fondo sinistra. La Dinamo perde due palloni di fila ma Varese vede scendere le sue percentuali, soprattutto perché Gentile trova i suoi primi due punti del secondo tempo quando mancano quattro minuti alla fine del periodo. Clemmons segna un’altra tripla andando in doppia cifra, Gentile risponde ancora una volta ma la Dinamo rimane avanti trovando anche il massimo vantaggio grazie al rientrante David Logan, che porta il Banco a +9 sul 58-67 e costringe Varese a chiamare un nuovo time-out. Entrambe le squadre provano la zona, Battle da una parte e Sorokas dall’altra ne approfittano, Gentile punisce la palla persa numero 8 di Sassari ma Treier risponde con coraggio da tre. Alessandro Gentile fa 31, Battle arriva in doppia cifra e il quarto si chiude 67-74.
Quarto periodo
Egbunu vince la sfida nigeriana contro Mekowulu a inizio quarto ma David Logan risponde subito, segnando la sua quinta tripla su cinque e un runner che porta la Dinamo al vantaggio in doppia cifra (69-79). Cavina abbassa il quintetto con Battle da numero 3 e per la pressione in difesa l’esperimento è positivo. Ferrero però riavvicina a -7 i suoi, Stefano Gentile scrive a referto la sua seconda tripla ristabilendo la doppia cifra di vantaggio. Gli arbitri fischiano poco su ambo i lati, Logan si innervosisce su un contatto e prende tecnico, Battle commette fallo in attacco e inizia una piccola fase di confusione offensiva a cui solo Eimantas Bendzius mette fine con un tiro dalla media. Storie tesissime tra Alessandro Gentile e Christian Mekowulu dopo una palla contesa a rimbalzo: i due si spingono arrivando faccia a faccia e gli arbitri decidono per l’espulsione di entrambi quando mancano 3:34 al termine. Cavina sceglie Treier per sostituire il suo centro, la partita riprende con Beane che accorcia accorcia con un arresto e tiro e Burnell che ricaccia indietro Varese con un 2/2 dalla lunetta. La Dinamo sbaglia tre conclusioni di fila dall’arco sporcando le sue percentuali e non chiudendo la gara, Egbunu si carica la squadra sulle spalle e accorcia le distanze dalla lunetta fino al -6 a 1:29 dalla fine. Bendzius con esperienza guadagna tre liberi e li converte, Clemmons perde palla sul possesso successivo al canestro di De Nicolao ma Wilson sbaglia tiro e scelta. La Dinamo dall’altra non sbaglia e Burnell chiude la partita definitivamente da tre: finisce 82-92 per Sassari.

Matteo Cardia

Openjobmetis Varese – Dinamo Banco di Sardegna Sassari 82-92 (26-23, 19-24, 22-27, 15-18)

Varese: Caruso, A.Gentile 31, Sorokas 3, Egbunu 13, Jones 10, Beane 9, Ferrero 9, Virginio, Librizzi, Denicolao 2, Wilson 5.

Sassari: Mekowulu 15, Bendzius 12, Burnell 13, S.Gentile 6, Clemmons 12, Battle 10, Treier 3, Borra, Devecchi, Logan 21, Gandini, Chessa.

 

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti