agenzia-garau-centotrentuno
Edoardo Casalone | Foto Luigi Canu

Dinamo, Casalone: “Assenze non siano pretesto, vogliamo i due punti”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Testa di nuovo al campionato per la Dinamo Sassari che dopo la sconfitta cocente di Nymburk torna al Pala Serradimigni per affrontare la Dolomiti Energia Trento.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

All’andata fu sconfitta per gli uomini di Pozzecco che pagarono le assenze di Pusica, Kruslin e Treier: estone che dovrebbe ancora una volta non essere della partita così come il lituano Bendzius. “Stiamo cercando di recuperare i giocatori, sia quelli che mercoledì hanno giocato sia quelli che non hanno disputato le ultime uscite, onestamente oggi non sappiamo se riusciremo a inserire un giocatore tra Treier e Bendzius- ha spiegato l’assistant coach Edoardo Casalone-. Kaspar è ancora abbastanza indietro mentre Eimantas sta lavorando ma non sappiamo se riusciremo a metterlo in campo domenica. Come ha detto anche Gianmarco nei giorni scorsi non deve essere un pretesto, alla fine quelli che sono andati in campo martedì in Repubblica Ceca hanno dimostrato di essere abbastanza per portare a casa il risultato, vista la partita che hanno prodotto i giocatori che sono entrati in campo e quelli che dalla panchina hanno dato sostegno morale e vocale. I ragazzi saranno prontissimi per disputare la partita. Abbiamo bisogno di tornare a vincere perché è qualcosa che ci aiuta ad affrontare la settimana: siamo molto determinati a produrre una partita di alto livello e portare a casa i due punti”.

Sugli avversari commenta: “Trento è una squadra che ha dimostrato che, controllando il ritmo  e imponendo la propria difesa, è riuscita a controllare la partita con un avversario come Milano e vincerla. Noi siamo una squadra che non si ferma generalmente a 50 punti: il nostro modo di giocare con il ritmo alto e le diverse esecuzioni offensive ci porta a raggiungere una soglia di punteggio molto più alta, quindi il controllo del ritmo sarà fondamentale. Noi ci facciamo grande affidamento, il fatto di correre, poter giocare molti possessi in attacco ad alto ritmo. Anche loro stanno lavorando molto in difesa con il cambio allenatore gli ha dato una mano, hanno cambiato delle cose: noi dobbiamo essere in grado di imporre  il nostro ritmo e correre il più possibile, senza fare troppe palle perse che è qualcosa che siamo disposti ad accettare consapevoli però che devono essere contenute. Dovremo sicuramente migliorare ciò che mettiamo in campo dal punto di vista difensivo, perché dalla partita di andata ci ricordiamo bene i loro giocatori molto improntati sul gioco atletico uno contro uno, cosa che ci mette in difficoltà, dobbiamo essere bravi a chiudere l’area e non permettergli le scorribande a tutto campo, impedendogli le penetrazioni uno contro uno. Stiamo lavorando molto da questo punto di vista, sappiamo di dover crescere ma è chiaro che i vari infortuni non ci aiutano ma stiamo mettendo grande attenzione in settimana.” 

Sullo stato di forma della squadra Casalone aggiunge: “Arriviamo da una trasferta complicata di una partita giocata ad alto livello contro una squadra che ha dimostrato il suo agonismo in Champions League, dove i ragazzi hanno fatto veramente qualcosa di straordinario giocando una sfida ottima che purtroppo ci è scivolata dalle mani davvero all’ultimo secondo. Questo è quello che dobbiamo portarci dietri nella prossima partita, che ci vede affrontare una squadra che, dopo un periodo difficile in campionato, ne sta uscendo egregiamente avendo disputato una bella partita contro la prima della classe Milano. Hanno disputato un match in controllo con un’Olimpia che sta dimostrando di essere una squadra di primo piano sia nel campionato italiano sia in Eurolega: Trento ha dimostrato di essere una squadra che può dire la sua in Europa ed è andata vicina al qualificarsi all’ultima fase dell’Eurocup. Quindi dovremo stare attenti, quando si giocano queste sfide il rischio è di battezzare le squadre in base alla classifica, è una cosa che non abbiamo mai fatto che penso non faremo mai per come abbiamo costruito la squadra, fatta di giocatori che non prendono mai in maniera superficiale le partite, però i risultati che sta ottenendo Trento in questo periodo possono aiutarci a non presentarci scarichi”.

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti