agenzia-garau-centotrentuno
cavina-sardara-canu

Dinamo, Cavina: “Ampi margini di crescita, vorrei aprire un ciclo”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Primo allenamento al Pala Serradimigni per la Dinamo Sassari di Demis Cavina: agli ordini dei due vice Baioni-Gerosa e del preparatore atletico Boccolini il gruppo biancoblù, orfano ancora degli stranieri, ha iniziato con i lavori di preparazione.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Per ora sul parquet  si sono ritrovati Jack Devecchi, con i veterani Stefano Gentile, Massimo Chessa e Luca Gandini, insieme a Kaspar Treier e il neoarrivato Jacopo Borra, i giovanissimi aggregati Christian Martis, Marco Antonio Re e Luca Sanna più Stefano Piredda (2006), Riccardo Pisano (2005), Gabriele Carta (2003) e Matteo Cabras (2002) si è messa al lavoro muovendo i primi passi sul parquet. Lavoro differenziato invece per Ousmane Diop impegnato con lo staff medico e fisioterapico nella riabilitazione. Nei prossimi giorni sono calendarizzati gli arrivi degli atleti stranieri: in settimana in Sardegna sono attesi Eimantas Bendzius, Christian Mekowulu, Tyus Battle e David Logan mentre l’ultimo ad aggiungersi sarà Jason Burnell, impegnato con i Denver Nuggets nella Summer League. Ancora in via di definizione l’arrivo di Anthony Clemmons.

Dal primo giorno di preparazione arrivano anche le prime parole di coach Cavina: “Adesso che è davvero iniziato tutto l’emozione è grande non vedevo l’ora di arrivare e sono davvero carico e motivato per questa stagione. Sassari è una piazza che non ho mai abbandonato, quindi per me è come tornare a casa. Vorrei che questa Dinamo fosse atletica, camaleontica e soprattutto lavoratrice: siamo un gruppo giovane, con tanti margini di crescita. Approcciamo con grande serenità e voglia di fare bene: Sassari ha sempre vissuto cicli positivi, ne iniziamo un altro e lo facciamo con grande motivazione”.

Così invece Jack Devecchi, capitano dei sardi “Il primo giorno di scuola è sempre bello ed emozionante: per me ancora di più, rientro dopo il lungo stop e non vedevo l’ora di calcare il parquet. Arrivo da una lunga estate di preparazione e sono contento di iniziare. Adesso aspettiamo gli arrivi degli stranieri, mi sembra un bel gruppo: ci conosciamo più o meno tutti, sono sicuro che ci attende una grande stagione. Con Demis abbiamo fatto due bellissime stagioni, ormai più di dieci anni fa, ed è un piacere ritrovarlo sul parquet: ci attende una nuova avventura, ci ritroviamo nella massima serie. Sarà una stagione impegnativa ma siamo pronti e carichi”.

La Redazione

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti