agenzia-garau-centotrentuno
cavina-dinamo-sassari

Dinamo, ecco le tre squadre per il 2021/2022

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Le Cantine Sella & Mosca fanno ancora una volta da teatro alla presentazione delle tre squadre – maschile, femminile e basket in carrozzina – della Dinamo Sassari, che si apprestano ad iniziare ufficialmente la stagione 2021-2022.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Con Geppi Cucciari nuovamente madrina dell’evento, la società di Sardara ha deciso di mostrarsi a sponsor, media e istituzioni prima di affrontare i primi impegni che contano sul campo, nonostante la pioggia che ha ritardato l’inizio della serata.
Ad aprire la serata il direttore generale di Sella&Mosca Giovanni Pinna, che ha ricordato l’importanza della partnership tra le due società, poi è stato il turno del presidente Stefano Sardara (qui le sue parole).
Sul palco sono prima salite le istituzioni e poi si sono alternati gli sponsor, in primis il direttore generale del Banco di Sardegna Giuseppe Cuccurese e il dg della Fondazione di Sardegna Carlo Mannoni, seguiti dagli altri numerosi sponsor della galassia Dinamo, fino allo sponsor tecnico Eye, che ha presentato le due maglie che la Dinamo utilizzerà in Basketball Champions League: una blu e una verde, che sulla parte frontale avrà un motivo tradizionale sardo che ricorderà l’arte del tappeto isolana.
Prima delle squadre è stata la volta del vice-presidente Dettori e la neo direttrice generale Viola Frongia, che hanno parlato della nuova stagione e delle prospettive future della società.

La prima squadra ad essere presentata è stata la Dinamo Women, che quest’anno oltre al campionato tenterà di arrivare anche alla fase a gironi della Eurocup Women. I primi a salire sul palco sono stati il vice-allenatore Andrea Vasconi, il preparatore atletico Andrea Paolella e il confermato coach Antonello Restivo che ha dichiarato:
Sono molto contento della squadra che abbiamo costruito con Federico Pasquini, una squadra equilibrata e con una certa mentalità. Siamo rimasti un po’ dietro all’ultimo acquisto, Jessica Shepard, ma ne siamo contenti, arriverà più in là nel tempo perché impegnata con i playoff WNBA”.
Una squadra profondamente rinnovata con i nuovi ingressi di Giulia Patané, Marida Orazzo, Giulia Moroni, Tina Trebec, Veronica Dell’Olio, Tijana Mitreva, Ivona Kozhobashiovska, Anastasia Kaleva – queste ultime in collaborazione con la Mercede Alghero – Jessica Shepard e Maggie Lucas, che si è presentata tramite un breve video dagli States dove ha iniziato la preparazione. Ultime a salire sul palco la confermata Giovanna Pertile e la capitana Cinzia Arioli:
Sono felicissima di tornare dopo la conquista della salvezza che è stata una grandissima emozione per tutte noi. Tornare quest’anno, con più esperienza, sappiamo che abbiamo qualcosa in più e speriamo di toglierci qualche soddisfazione”.

Presenti in questa occasione anche due atleti della Dinamo Lab. Sono saliti sul palco Giuseppe Gaias e il capitano Claudio Spanu, presente sin dalla nascita della società, che ha chiarito da subito gli obiettivi della stagione:
Noi entriamo per vincere lo scudetto – ha dichiarato il capitano. Il campionato inizierà il 24 ottobre e noi vogliamo vincere il prima possibile”.
Gli ultimi a salire sul palco sono stati i Giganti, a partire dallo staff tecnico composto dal preparatore atletico Matteo Boccolini, il ventunenne terzo assistente Antonio Carlini, i vice Gerry Gerosa – al sesto anno in Dinamo – e Giacomo Baioni, tornato in questa stagione. Poi è stato il turno di Demis Cavina e di Federico Pasquini. Queste le parole del coach:
“E’ sempre un’emozione anche se è come se non me ne fossi mai andato, perché ho tenuto rapporti con la società e con gli amici. L’esperienza di Torino ha aiutato la nascita di questo nuovo percorso, di questo nuovo progetto intrigante dal punto di vista personale e sportivo. Abbiamo cominciato a macinare sin da subito, con un gruppo che sembra lavorare insieme da più di tre settimane. Io ho avuto la squadra che volevo, per merito di Federico Pasquini che è stato molto bravo a individuare i giocatori giusti per il progetto tecnico. I risultati sono il merito delle idee. Questa squadra è ideale per questo progetto, speriamo che i risultati siano quelli che tutti noi ci auspichiamo. Questa è stata fin da subito una squadra che ha risposto. Più o meno questo è un progetto simile a quello di Torino, con l’idea della quotidianità, del gruppo, una squadra giovane ma con qualche faro. Abbiamo le idee chiare, ma più dubbi abbiamo ora meglio è, queste ultime partite sono state utili per mettercene e migliorare. Tornare al PalaSerradimigni è stata una grande emozione, mi auguro sia il prima possibile pieno”.
Queste, invece, le dichiarazioni del GM:
Il torneo è andato bene, è la fase in cui vedere se i ragazzi fanno le cose base, collaborano, si aiutano, si passano la palla. Mi sembra che da subito i ragazzi abbiano avuto la voglia di conoscersi. Quest’anno è un’annata importante, perché bisognerà riportare la gente al palazzetto facendo uno sforzo in più, prendendo uno sfondo o dando una pacca al compagno. Abbiamo cercato le caratteristiche tecniche ma soprattutto persone che potessero far appassionare la gente. E a Cagliari penso si sia visto nonostante la stanchezza. Con Demis siamo simili come visione della pallacanestro ma diversi di carattere e ci conosciamo da tanto e questo ci ha aiutato nel poco tempo che abbiamo”.
I primi a salire sul palco sono stati Massimo Chessa e Jacopo Borra, per poi passare ai giovani aggregati, David Logan e al capitano Jack Devecchi:
Nuova stagione, la sedicesima. Questa un po’ particolare, perché arrivo da una sosta di sette mesi. Sono state tre settimane dure ma siamo andati bene, abbiamo fatto un buon torneo a Cagliari e siamo pronti per la Supercoppa che inizia sabato”.
Dopo il capitano è stato il turno del rientrante Ousmane Diop, dei confermati Luca Gandini, Kaspar Treier, Stefano Gentile, Eimantas Bendzius e Jason Burnell, e i nuovi arrivi Christian Mekowulu, Anthony Clemmons e Tyus Battle.

Matteo Cardia

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti