agenzia-garau-centotrentuno

Dinamo in serata no, vince Ostenda

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Amara trasferta in Belgio per la Dinamo Sassari.

I sardi si arrendono al Filou Oostende per 88-82 al termine di una partita intensa, caratterizzata dalle ottime percentuali della squadra di casa e qualche decisione arbitrale un po’ discutibile: si ferma a 7 il computo di vittorie consecutive per il quintetto di Pozzecco che ha perso l’occasione di ipotecare la qualificazione alla prossima fase della Champions League.

La cronaca: Avvio favorevole ai padroni di casa che sfruttano bene il gioco interno, Thompson schiaccia l’8-2 e Pozzecco chiama immediatamente il primo timeout: la risposta del Banco non si fa attendere e Pierre mette la freccia per la prima volta sul 9-10 con una tripla frutto di un’ottima circolazione di palla. I padroni di casa iniziano a sporcare le percentuali, commettere qualche fallo di troppo (due i tecnici da parte degli arbitri) e Sassari prova il primo vero allungo; Ostenda si ritrova con le bombe della coppia McIntosh- Buysse e il punteggio al termine dei primi 10′ è di 25-22 dopo l’1/2 di McIntosh e l’interferenza a canestro di Sorokas. L’inizio secondo quarto è caratterizzato da tanti errori, non solo dei sassaresi ma anche degli arbitri che si perdono qualche fischio in entrambe le metà campo: Ostenda pare addirittura scappare via, ma una fiammata degli uomini in verde dimezza il divario tra le due formazioni. McIntosh continua a fare il buono e cattivo tempo, Sassari si affida a Jerrells (tripla) ed Evans e rimane aggrappata alla gara, seppur soffrendo a rimbalzo contro un fin li ottimo Thompson che poco dopo commette l’ingenuità di protestare e prendere il tecnico che significa quarta infrazione personale. La Dinamo continua a faticare ad entrare in partita, ma riesce comunque a chiudere a -4 a metà gara solo grazie ad alcuni lampi personali.

Al rientro degli spogliatoi è una Sassari più viva, trascinata da una ritrovata difesa e da Evans e Spissu in attacco; Ostenda trova però incredibilmente le percentuali migliori della sua stagione in Champions e mantiene il comando delle operazioni nonostante un Vitali in palla. Il terzo quarto si chiude col giallo del quinto fallo di Gentile e l’1/2 dalla lunetta di Buysse che chiude i primi 30′ sul 64-61. Nel quarto finale i belgi esauriscono il bonus dopo appena 90″, ma la Dinamo è ancora costretta a inseguire gli avversari che trovano l’asse portante sui giovani Van der Vuurste-Buysschart oltre alle triple di Mwema. Vitali suona la carica, tripla del -3 poi rischia un gioco da 4 punti, ma per gli arbitri è incredibilmente flopping con conseguente tecnico. McIntosh segna il +9 dall’arco con 2′ sul cronometro mettendo un’ipoteca sulla vittoria belga; la Dinamo ha un moto d’orgoglio, Bilan schiaccia il -4, va vicinissima alla palla recuperata, ma Mwema va a schiacciare i due punti che chiudono di fatto i conti.

Matteo Porcu

Filou Ostende-Dinamo Banco di Sardegna Sassari 88-82 (25-22, 21-20, 18-19, 24-21)

Ostenda: Schwartz, Mwema 14, Djordjevic 14, Angola 4, Thompson 5, Sylla 4, McIntosh 27, Van der Vuurst 5, Troisfontaines, Buysse 5, Buysschart 8, Desiron 2. Coach: Dario Gjergja

Sassari: Bilan 9, Evans 30, Pierre 9, Vitali 9, Spissu 10, McLean 3, Jerrells 9, Gentile 3, Sorokas, Magro, Bucarelli, Devecchi. Coach: Gianmarco Pozzecco

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti