Marco Spissu | Foto Luigi Canu

Dinamo, niente impresa: vince la Virtus Bologna

Si ferma in semifinale l’avventura della Dinamo Sassari nella Supercoppa Italiana di Bologna: a vincere è una Virtus straripante nel quarto finale. Non è tutto da buttare per una squadra che ha tenuto bene il campo per almeno 30′ prima di soccombere anche dopo qualche fallo di troppo fischiato ai biancoblù; successo comunque meritato per i padroni di casa più continui lungo il corso dei 40′.

La cronaca: Pozzecco sceglie il consueto quintetto Bilan, Bendzius, Burnell, Spissu e Kruslin dall’altra parte c’è anche l’ex Tessitori titolare: sono i biancoblù a partire meglio  grazie a un Bilan efficace in entrambe le metà del campo e, cosa non solita, anche oltre l’arco in un’occasione per l’11-6. La gara prosegue su ritmi piacevoli, Tillman salva un pallone destinato fuori, Spissu segna praticamente da metà campo e l’ala biancoblù crolla a terra dopo un contatto con Alibegovic costringendolo ad uscire dal campo. La Dinamo non barcolla e anzi prova a dare una spallata, Josh Adams accorcia nel finale ed è 24-19 alla prima sirena. Nel secondo periodo si rivede anche Luca Gandini, assente nella prima fase, che infila subito due liberi; Adams continua a spadroneggiare ed è -3 con immediato timeout di Pozzecco. Sassari non riesce a tirare con percentuali accettabili da oltre l’arco, Spissu sblocca i suoi dall’angolo per il 33-28 prima di prendersi il doppio tecnico dopo una serie di battibecchi con Adams. Bendzius trova la tripla frontale e i sardi provano a scappare, ma Teodosic e compagni non mollano la presa e si riportano in scia all’intervallo.

Al rientro dagli spogliatoi qualche errore di troppo in entrambe le metà campo, ne beneficia la Segafredo che trova il primo vantaggio sulla tripla di Markovic. La Dinamo rosicchia qualche punto con il rientrante Tillman, poi un dubbio fallo in attacco fischiato a Bilan scatenano in panchina Pozzecco che prende il secondo tecnico con relativa espulsione. Come spesso accade, i biancoblù non soffrono la mancanza del coach in panchina e Spissu opera il sorpasso dall’angolo; il finale di quarto è però tutto di marca bolognese ed è 59-62 all’ultimo mini-intervallo. L’inerzia non cambia, Abass e Tessitori segnano dai 6,75 che fanno precipitare a -8 la Dinamo priva di Bilan e Spissu ai box per falli.  I biancoblù non segnano più e Alibegovic mette il punto esclamativo con la schiacciata in contropiede. La Virtus Bologna gioca col cronometro e porta la nave in porto, è 76-88 ala sirena.

Matteo Porcu

Dinamo Banco di Sardegna Sassari-Virtus Segafredo Bologna 76-88 (24-19, 18-21, 17-22, 17-26)

Sassari: Bilan 24, Bendzius 11, Burnell 13, Spissu 17, Kruslin 2, Gentile, Gandini 2, Tillman 2, Pusica 5, Devecchi, Re, Treier. Coach: Pozzecco

Bologna: Tessitori 11, Weems 8, Teodosic 13, Markovic 9, Ricci 5, Nikolic, Hunter 4, Adams 11, Alibegovic 9, Pajola 2, Abass 13, Gamble 3. Coach: Djordjevic.

 

AL BAR DELLO SPORT

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti