pozzecco-sassari-dinamo-legabasket-canu

Dinamo, Pozzecco: “Chessa merita questa opportunità”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Il tecnico della Dinamo Sassari Gianmarco Pozzecco ha parlato a due giorni dalla partita tra i biancoblù e la Vuelle Pesaro.

Il coach ritroverà Jasmin Repesa e un avversario decisamente in forma (che ha comunicato un positivo nel gruppo squadra nelle scorse ore): “Voglio fare i complimenti alla Vuelle che, prendendo uno dei migliori allenatori sulla piazza, ha fatto la scelta giusta. I complimenti vanno anche a Jasmin Repesa che ha totalmente cambiato volto di un club, sono contento per lui e mi complimento per quello che sta facendo perché penso che in assoluto Pesaro sia la squadra rispetto a qualità/prezzo che sta giocando meglio. Sono andati in una direzione diversa rispetto agli anni precedenti e come prima scelta hanno inserito un giocatore del calibro di Carlos Delfino che è un ragazzo straordinario chiudendo il cerchio. Sono giustamente preoccupato di affrontare una squadra in forma che sta giocando molto bene e ha grande fiducia però è vero che, come sempre, siamo focalizzati su di noi per continuare il processo di crescita iniziato in Supercoppa ma che ci ha visto dover superare ostacoli che hanno rallentato questo cammino. Sono contento di quello che stiamo facendo e sono contento rispetto alla crescita soprattutto a livello offensivo che questa squadra ha ottenuto da settembre a oggi. Difendono con grande energia e in attacco sono una dinamo instancabile, nel senso che giocano con grande continuità e costanza, con grande velocità di esecuzione. Non sono statici anzi, questo modo di giocare che un po’ è diverso dal nostro però è estremamente efficace per le caratteristiche che hanno. Sono una squadra solida che ha vinto a Brindisi e messo in difficoltà Milano, sarà una partita difficile ma è vero che siamo terzi, siamo forti, abbiamo dei giocatori pazzeschi. Siamo in crescita, questa settimana ho visto una squadra allenarsi duramente e consapevolmente focalizzata sul miglioramento difensivo: questa è la parte che mi interessa di più”. 

Sulla mancanza del pubblico ha commentato: “Ci manca la nostra gente, qualche giorno fa sentivo una dichiarazione di Ettore Messina che condivido relativamente alla mancanza di positività: noi abbiamo sempre vissuto in queste tre mie stagioni l’idillio tra tifosi e squadra, un aspetto enfatizzato da Stefano Sardara che ha grande considerazione e rispetto e riconosce i benefici che tutto l’ambiente ha dal legame così stretto con il proprio popolo. Gli eventi e tutte le attività che facciamo non sono legate a mere esigenze di marketing ma dalla volontà di avvicinare la squadra alla gente e viceversa, cosa che condivido pienamente. A noi la presenza del pubblico regala positività, nel mondo dello sport in questo momento viviamo solo la negatività delle sconfitte, la negatività dei social, della critica e non enfatizziamo mai la positività della vittoria, del contatto umano. In un contesto dove questo aspetto aveva tanto peso è normale che manchi ancora di più. Però penso di essere un allenatore che enfatizza i meriti dei miei giocatori, sono contento che Miro Bilan sia l’Mvp del girone di andata, che Marco Spissu sia il miglior italiano, sono contento che Jason Burnell sia nel secondo quintetto, che Eimantas Bendzius sia riconosciuto come una delle più grosse sorprese del campionato e Stefano Gentile venga considerato determinante e in grande crescita. Se oggi siamo terzi è perché riusciamo ad avere una nostra positività. Io devo riuscire a far vivere a questi ragazzi tutto quello che vivono quotidianamente con grande gioia”.

Porte girevoli in casa Dinamo Sassari con l’addio di Tillman e l’infortunio di Devecchi, l’ufficialità di Massimo Chessa e il probabile arrivo di Happ: “Ribadisco un concetto che ho già espresso a Jack, lui ha già deciso di tornare a giocare e sono estremamente entusiasta e contento di questa sua decisione. Sono felice che al di là di questo piccolo periodo che lo vedrà totalmente focalizzato sull’intervento al ginocchio sarà a disposizione dello staff e della squadra in questo cammino che ci porterà a finire la stagione, usufruendo della sua presenza, conoscenza, intelligenza e saggezza. Rivedremo al più presto Jack responsabilizzato dal sottoscritto e dalla società in un ruolo che per questi mesi lo vedrà protagonista in altre vesti, consapevoli che poi il prossimo anno sarà di nuovo nel roster. Sono felice per lui perché secondo me è un’esperienza che lo gratificherà molto e lo porterà a crescere e poi sarà ancora più utile alla squadra il prossimo anno. Siamo estremamente contenti di trovare un sostituto- per quanto sia difficile sostituire uno come Jack- ma abbiamo perso nel roster un sardo sebbene acquisito come Devecchi e ne abbiamo messo un altro. Sono contento perché Massimo è quello che si avvicina di più al ruolo che Jack aveva in squadra e sono contento per lui perché oltre a essere un’opportunità per noi e anche per lui, un ragazzo che la merita. Poi avere tre sassaresi è bello, lui Marco e Marco Antonio sono felice di poter allenare una squadra che ha un’identità sarda”.

La Redazione

 

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti