Gianmarco Pozzecco | Foto Luigi Canu

Dinamo, Pozzecco: “Happ? Meglio averlo con noi che contro”

Antivigilia di gara in casa Dinamo Sassari: dopo la mini pausa forzata a causa della mancata sfida con la decaduta Roma i biancoblù si rituffano nel campionato. Alle porte la sfida con la Fortitudo Bologna rivitaminizzata dall’arrivo di Dalmonte in panchina.

Coach Gianmarco Pozzecco ha parlato così a due giorni dalla partita a Dinamo TV, partendo proprio dal debutto di Ethan Happ contro la sua ex squadra: “Sono chiaramente contento di avere Ethan con noi, e non contro, lo abbiamo sempre considerato un giocatore forte che poteva crearci problemi. Ora il nostro compito è fare il possibile perché lui possa proseguire il suo percorso in ascesa anche in maglia Dinamo, confermando quello che ha fatto in questi due anni in Italia. I suoi compagni sono molto concentrati sul suo inserimento, questo mi rende felice: sono consapevoli di avere una sorta di vantaggio dal lavorare insieme da agosto, che gli ha permesso capire quanto sia importante conoscersi per capirsi in campo. Per Ethan non sarà facile inserirsi in un gruppo così consolidato ma sono impressionato da quanto i ragazzi si stiano prodigando per aiutarlo”.

Sulla squadra avversaria analizza: “La Fortitudo ha cambiato filosofia cestistica con il cambio in panchina tra due allenatori diversi, due ottimi coach, ma nella pallacanestro non è mai un copia incolla perfetto. Mi conoscete preferisco parlare di noi, siamo focalizzati sull’esordio di Ethan. Credo che la priorità sia restare concentrati, consapevoli che a Bologna possiamo perdere ma se giochiamo la nostra pallacanestro possiamo metterli in difficoltà. Viviamo un momento strano in cui forse c’è più attenzione verso la Final Eight ma dovremo essere bravi a pensarci da sabato notte in poi. Sfida speciale per me? Se potessi scegliere mi piacerebbe poter giocare con la Fortitudo con il pubblico, per poter vivere quell’atmosfera unica che si respira nelle partite così speciali. Sarà per me una partita particolare al di là della presenza del pubblico”.

Chiusura sul Girone L di Champions League: “Nella mia carriera ho giocato solo un mese a Saragozza, ma già prima del sorteggio avevo espresso il desiderio di tornare a Saragozza, pur considerando la forza come tutte le squadre che disputano l’Acb. Però sono felice di poter tornare lì. Desideravo evitare Burgos che considero una delle squadre più forti e non mi avrebbe fatto piacere tornarci, per tutta una serie di motivi, volevo evitare Turk Telekom che secondo me cestisticamente si sposa male con noi, evitate queste due e magari Novgorod – per questioni di viaggio – per il resto andava bene tutto. Alla fine Tenerife la avevamo già incontrata, tutto sommato è stato un sorteggio equo”. L’esordio nel Round of 16 avverrà contro Saragozza in casa il 2 marzo, a seguire le due trasferte in Repubblica Ceca con il Nymburk e in Germania con il Bamberg: il ritorno riparte dal Pala Serradimigni il 24 marzo proprio contro i tedeschi, poi viaggio in Spagna e chiusura in casa contro i cechi.

La Redzione

 
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti