agenzia-garau-centotrentuno
Antonello Restivo | Foto Luigi Canu

Dinamo, Restivo: “Gli sforzi pagano, serve aggressività contro Costa Masnaga”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Prova a fare il bis nel giro di pochi giorni la Dinamo Sassari femminile: dopo la vittoria nel recupero con Lucca, le biancoblù tornano al Pala Serradimigni per affrontare Costa Masnaga, una delle rivelazioni del massimo campionato.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

All’andata fu sconfitta anche grazie alla prova incredibile della giovanissima Matilde Villa e le ragazze guidate di Antonello Restivo sono chiamate alla rivincita: “Costa Masnaga è, insieme a Empoli, una delle sorprese di questo campionato- ha dichiarato il tecnico- sono una squadra molto giovane che fa del ritmo la sua arma principale: noi dovremo essere bravi a controllarlo e costringere le avversarie a giocare secondo il nostro ritmo. All’andata fu una partita strana, era la nostra seconda sfida dopo il lungo stop e secondo me era stata viziata dal nostro inizio in cui avevamo sbagliato alcuni canestri facili e loro erano state brave ad alzare subito l’aggressività. Quell’avvio ci aveva spaventato e da lì si sono innescati alcuni meccanismi che ci siamo portati dietro per un po’. Vogliamo cancellare quel ricordo e giocare senza permettergli di dettare il ritmo, quindi con palloni lunghi. Loro si sono rinforzate e, rispetto all’andata, hanno inserito una giocatrice come Laura Sperafico, tiratrice esperta che sicuramente le rende ancora più competitive. Dovremo essere bravi a partire aggressivi fin da subito e cercare di gestire al meglio la sfida”.

 “Siamo andati a Lucca con in testa quella partita in casa condotta per 38’ in cui siamo stati sopraffatti dalla paura di vincerla – ha concluso coach Antonello Restivo-, siamo ripartiti da lì con la voglia di riscattarci e questo si è visto in tanti piccoli dettagli, come ad esempio una difesa più dura del solito. La cosa più importante che ci portiamo via da Lucca è la consapevolezza che il lavoro e gli sforzi, anche mentali, che stiamo facendo stanno pagando. Quando si gioca praticamente dopo quarantotto ore è importante recuperare le energie ma sono sicuro che avremo l’adrenalina dalla sfida di mercoledì: dobbiamo essere bravi a canalizzarla nel modo giusto”.

La Redazione

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti