agenzia-garau-centotrentuno
bucchi-dinamo-canu

Dinamo Sassari, Bucchi: “La strada intrapresa è quella giusta”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

La Dinamo Sassari torna in campo dopo uno stop di più di due settimane. Una pausa imprevista e che ha creato tanta attesa per il ritorno in campo anche all’interno dello stesso gruppo squadra biancoblù, tornato ad allenarsi in gruppo solo mercoledì 5. La partita contro Cremona di domenica 9 gennaio, alle 12, sarà l’inizio di un trittico importante per Sassari che giocherà poi il 12 e il 16 gennaio per chiudere il proprio girone d’andata. La sfida contro la Vanoli è stata presentata da coach Piero Bucchi ai microfoni di Dinamo Tv:

Approcciamo con la voglia di giocare, i ragazzi stanno facendo dei buoni allenamenti con la voglia di tornare campo e di giocare: è chiaro che abbiamo una condizione atletica non omogenea perché abbiamo qualcuno che non si è mai fermato e altri che hanno dovuto fare uno stop di 8-9 giorni. Ma stiamo cercando di ritrovare il ritmo e l’intensità giusta, lavorando con buona attitudine“.

Sulla situazione Covid:

“Dobbiamo conviverci, è un momento particolare in cui il Covid sta influenzando molto: ci vuole molto buon senso per organizzare tutto con l’obiettivo comune di salvaguardare il campionato”.

Sull’avversario:

Loro sono una squadra che quest’anno ha risentito degli infortuni, sono una buona squadra che può contare su un ottimo gruppo di italiani ed è allenata da un tecnico che stimo molto. Siamo consapevoli che sarà una partita complicata, molto difficile oltretutto lo scorso anno – come mi ricordava il mio staff – alla ripresa dal Covid entrambe le volte sono stati sempre presenti e pronti. Loro hanno avuto tante positività ma sono sicuro che incontreremo una squadra che sta recuperando”.

Sul futuro personale:

Questa è una società tra le prime in Italia, credo che il presidente in questi anni abbia costruito un club di prima fascia e ogni allenatore ha il piacere di starci e allenare. Sono convinto che la strada intrapresa sia quella giusta e spero sia un bel viatico per restare. Sono importanti i risultati ma più di ogni altra cosa è importante anche conoscersi reciprocamente per cercare di costruire qualcosa”.

La Redazione

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti