agenzia-garau-centotrentuno
Piero Bucchi in Bologna-Dinamo | Foto Luigi Canu

Dinamo Sassari, Bucchi: “Varese? Servono attenzione in difesa e pazienza in attacco”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares

Dopo la Supercoppa sfumata negli ultimi minuti della sfida contro la Virtus Bologna, la Dinamo Sassari riparte da un parquet storico del basket italiano. Per la prima di campionato, in programma domani domenica 2 ottobre alle 19.30, i sassaresi saranno infatti in scena a Masnago contro la Openjobmetis Varese. Una squadra pericolosa, soprattutto offensivamente, che la squadra di Bucchi ha già visto all’opera durante il City of Cagliari 2022.

Le parole

Coach Piero Bucchi e il General Manager Federico Pasquini hanno parlato attraverso i canali ufficiali del club del primo impegno del torneo e non solo. Queste le parole dell’allenatore biancoblù.

“Siamo dispiaciuti ovviamente per la finale, dove siamo andati vicinissimi a conquistare il trofeo, ma anche consapevoli che ci sono molte cose positive che ci portiamo dietro, nonostante assenze e giocatori appena rientrati. Sono state due partite molto dispendiose ma sappiamo anche che vogliamo partire bene e prepararci al meglio per il debutto in campionato. Varese è una squadra frizzante, “sgusciante” passatemi il termine, tutti sono in grado di costruirsi un tiro e giocano un basket ad elevata intensità. Dovremo essere bravi in difesa e nella transizione ma anche ad essere molto equilibrati in attacco senza forzare ma avendo pazienza”.

Queste invece le dichiarazioni di Pasquini.

Il campionato che va a iniziare è un torneo ricco di squadre che hanno migliorato i loro roster e con giocatori che possono essere davvero importanti per la nostra lega. Iniziamo con Varese che è una delle squadre più atipiche del campionato perché gioca per avere più possessi durante la partita e soprattutto a privilegiare il tiro da tre punti. È una squadra che gioca quasi sempre con quattro giocatori che stanno stare sul perimetro per tirare o per attaccare in uno contro uno e con un pivot leggero che copre e stoppa, oltre che rollare quando la sua squadra è in attacco. Dovremo essere bravi a fare una partita intelligente, perché se si va al loro ritmo avanti e indietro potrebbe essere complicato visto che loro avranno anche una grande spinta dal loro pubblico. Supercoppa? Abbiamo archiviato tutto, prendendo quelli che sono gli spunti positivi che la squadra ha avuto. Siamo all’inizio, sappiamo che è una competizione particolare, che è meglio vincere che perdere. Quello che è più mancato è la chimica di squadra, specie per i nuovi che si vanno a inserire in un contesto che conoscono poco. Due giocatori importanti poi avevano fatto pochi allenamenti per cui ci sono diverse scusanti. Resta la reazione con Tortona e la partita con la Virtus dove ci è mancato poco per prendere la coppa. Guardiamo avanti prendendo tutto ciò che c’è di positivo per approcciare al meglio sia il campionato che la Champions League“.

La Redazione

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti