agenzia-garau-centotrentuno
Whittaker contro la difesa del Peristeri | Foto Fabio Murru

Dinamo Sassari, il Peristeri scappa nell’ultimo quarto e fa sua la Miners Cup

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares
signorino
sardares

Ad alzare il trofeo della Miners Cup di Carbonia è il Peristeri di Vasilis Spanoulis, che esce trionfante da entrambi i match contro la Dinamo Sassari. Nel secondo episodio della coppa, dopo il primo giocato nella serata di venerdì 22 settembre, la squadra ellenica vince per 91-69. La Dinamo regge e combatte per i primi 30′ di gara, ma alza bandiera bianca nell’ultimo quarto, quando Williams fa volare via la formazione ateniese.

La gara 

Il Peristeri parte con Mitrou-Long, Ragland, Williams, Kaselakis, Thompson e, mentre per Sassari – che oltre ai lungodegenti lascia a riposo oltre a Diop anche Raspino – ci sono Whittaker, Pisano,  Kruslin, Treier e Gombauld. L’avvio di partita è lento e con qualche errore. Il Peristeri va subito forte a rimbalzo, riuscendo a guadagnare diversi extrapossessi. La tripla di Kruslin porta la Dinamo sopra di un possesso pieno dopo 6’ di gioco. Le due squadre amministrano bene la difesa ma faticano a trovare continuità in attacco, e il punteggio così rimane basso. Sassari però mette più energia, la preghiera di Hands si spegne sul ferro e il primo quarto termina 11-15 per i biancoblù. Bucchi manda in campo per il secondo quarto un quintetto inedito sempre con Gombauld e Pisano, ma assieme a Gentile, Cappelletti e Van Eyck. La tripla di Poulianitis regala al Peristeri il vantaggio al 12’. Gombauld e Cappelletti però scrivono l’inizio della risposta, completata dalla bimane di Van Eyck. Sassari tocca il +9 (35-26), la squadra di Spanoulis insegue per tutto il secondo quarto, ma riesce a trovare il vantaggio prima dell’intervallo lungo sfruttando una minore lucidità offensiva sassarese sul finale e un buon momento targato Thompson-Williams, con l’ex Scafati che si fa strada dentro al pitturato. Si va così negli spogliatoi sul 42-41.

Al rientro dall’intervallo lungo la Dinamo lotta e rimane in partita, tenendo botta all’energia della squadra greca che aumenta l’intensità della propria difesa. Il Peristeri gestisce bene i possessi in più situazioni ben orchestrato da Ragland, Sassari mette in serie alcuni errori, ma complice il buon momento di Treier nel finale del quarto torna fino al -3 (56-59).
In avvio di ultimo periodo Treier trova il pareggio dall’arco, ma il Peristeri risponde immediatamente con un parziale di 6-0 tutto targato Williams. È l’anticipazione della fuga definitiva della squadra di Spanoulis, che si allontana sempre di più grazie alla tripla di Hands. Sassari non ha più le energie e le forze per poter tentare un recupero, così Bucchi decide di tenere a riposo i suoi giocatori per precauzione e manda in campo i giovani. Con la Dinamo con la testa già alla partita contro Napoli, il Peristeri tocca anche il +22 nell’ultimo minuto, conquistando ufficialmente la sua vittoria nella prima edizione della Miners Cup. Termina 91-69 a Carbonia. Sassari esce sconfitta, ma ha segnali positivi da alcuni suoi giocatori, in particolare Gombauld, Treier e Pisano.

Jacopo Caneo

 
Notifiche
Avvisami se ci sono
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti