agenzia-garau-centotrentuno
lucas-canu

Dinamo, sei nella storia! Sassari vola ai gironi di Eurocup

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Le Dinamo Woman conquistano una storica qualificazione alla EuroCup Women. In Lussemburgo finisce 61-61: il risultato non porta ai supplementari perché con il +18 dell’andata – finita 85-67 – le biancoblù si iscrivono alla fase a gironi della competizione europea dove troveranno le spagnole del Tenerife, le francesi di Bourges e le svizzere del Friburgo. Buona la prova di Lucas, nonostante le brutte percentuali al tiro dai 6.75 (28+9 rimbalzi), e di Moroni in regia.

 

La partita

Obiettivo difendere il +18 conquistato all’andata ed entrare nella fase a gironi della Eurocup Women. Ancora priva di Shepard e Trebec, la Dinamo Women arriva in Lussemburgo consapevole di dover soffrire ma in grado di poter fare la gara come nella settimana precedente. Coach Restivo per partire sceglie Moroni, Orazzo, Lucas, Dell’Olio e Patané. Dall’altra Jo Schreiner, Lisy Hetting, Cassandra Brown, Mathias e Tessy Hetting.

I primi 10’ partono con tanti errori da una parte e dall’altra, sia al tiro che in costruzione offensiva. La Dinamo si appoggia subito alla capacità di far canestro della Lucas, che chiude il primo quarto in doppia cifra pur con percentuali non ottime. Sassari a metà primo periodo prova a scappare toccando il +5 ma i due falli di Dell’Olio mettono un freno alle sassaresi che cominciano a soffrire ancora di più a rimbalzo. Il primo quarto si chiude ugualmente in vantaggio per le Women sul 9-11.

Nel secondo quarto il copione non cambia: le ragazze di Restivo iniziano con una persa e continuano a concedere molti rimbalzi offensivi. Dall’altra però Grengewald ha difficoltà al tiro e permette alle biancoblù di rimanere in scia. Con 5 punti negli ultimi tre minuti è Pertile a trascinare la squadra verso il +1 di fine primo tempo, dopo che le padrone di casa avevano toccato a loro volta il +5 a metà periodo.

Nel secondo tempo i ritmi cambiano. La partita si fa ancora più intensa e le lussemburghesi provano a cambiare l’inerzia della gara. Parziale di 10-2 firmato nei primi quattro minuti di gioco, con la Mathias domina agevolmente il pitturato. La Dinamo però reagisce e a metà quarto grazie ai canestri di Orazzo e Lucas si riporta sotto di due punti sul 35-33 a 4:40 dal termine del periodo. La partita è un continuo parziale e controparziale, con le lussemburghesi che provano a scappare sfruttando la loro maggiore fisicità e la Dinamo che dall’altra reagisce sfruttando amnesie e maggiore freddezza al tiro nonostante le sporche percentuali della Lucas. La zona 2-3 decisa da coach Restivo sul finire del quarto manda Grengewald in confusione, con le biancoblù che ritrovano il vantaggio sul 42-44 a poco più di quaranta secondi dal termine grazie a un bel canestro di Dell’Olio, che diventa +4 grazie alla rubata e canestro di Moroni. La tripla fortunata di Lisy Hetting sulla sirena porta però nuovamente le avversarie sotto di una sola lunghezza, 45-46.

L’ultimo quarto inizia con una tripla ben costruita di Dell’Olio a cui risponde Cassandra Brown, poi è Lucas con un gioco da 3 punti a portare di nuovo sul +5 le isolane. Mathias continua ad essere un rebus, mentre dall’altra parte, a 6:47 dal termine della partita, Maggie Lucas poggia male il piede destro in caduta dopo un tiro ed è costretta ad uscire momentaneamente dalla gara. La Dinamo continua a difendere a zona cercando di proteggere il pitturato ma ha meno pericolosità in attacco. Grengewald capisce il momento e firma il controsorpasso a 4:26 dalla sirena sul 56-54. Restivo chiama minuto, Lucas rientra nonostante il dolore, ma la risposta arriva dalla capitana Arioli che attacca bene il ferro e impatta di nuovo sulla parità il risultato a 3:29 dalla fine grazie a due tiri liberi. Le lussemburghesi vedono con il passare dei minuti spegnersi le proprie speranze: la Dinamo risponde, nonostante le difficoltà, colpo su colpo e porta a casa una storica qualificazione alla EuroCup Women. Finisce 61-61, un pareggio insolito ma dal sapore europeo.

Matteo Cardia

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti