agenzia-garau-centotrentuno
burnell-dinamo

Dinamo-Varese 104-99: dolce finale di una gara pazza, Sassari serve il bis

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Una prestazione di cuore, e di forza quella dei giocatori di Bucchi, che battono Varese 104-99, dando continuità al successo del turno scorso contro Venezia: una partita dai continui cambi di padrone quella tra la Dinamo Sassari e la squadra di Vertemati, priva della stella Alessandro Gentile e che ha trovato nell’ex Cagliari Academy Marcus Keene il suo trascinatore principale.

Primo Periodo
Primi minuti ad un ritmo elevato, tanta pressione di Varese sul primo possesso con Keene che concede poco a Robinson in fase di costruzione. Ed è stato proprio lui, il numero 45 biancorosso, ad essere il principale protagonista di questo inizio di gara, dopo 4 minuti con due belle triple e ottimi assist ha portato Varese sul +5 (10-15). I guizzi di Robinson e le lotte di Mekowulu, sono state decisive per siglare il primo vantaggio Dinamo a 4’31” dalla fine, costringendo coach Vertemati a dover richiedere il time-out per fermare il ritmo dei biancoblù. Dopo la pausa la Dinamo è partita subito a grande ritmo, in particolar modo Kruslin, che con due triple brucianti ha permesso ai suoi di allungare su Varese (25-18). Varese è tenuta a galla da un Keene che appare in stato di grazia, il suo tabellino personale dopo 8′ segnava 13 punti. La prestazione dell’americano, insieme al canestro di Ferrero, hanno consentito ai biancorossi di rimettere in equilibrio il risultato (25-25). Ma questa parità è stata sbloccata da Bendzius autore di una tripla a 10″ dalla fine, replicata da un’altra magia in fadeaway di Keene sulla sirena. (28-27)

Secondo Periodo
Il primo a iscriversi a referto è stato un recuperato Stefano Gentile, che ha ritrovato finalmente campo e minuti dopo la sosta forzata (infortunio) che l’ha tenuto lontano dal parquet per 4 giornate. Le rotazioni di Bucchi hanno dato l’impressione di funzionare bene, i muscoli di Diop, le transizioni guidate da Logan insieme alla triple di Treier hanno portato i biancoblù al massimo vantaggio momentaneo (44-37). Ma dopo una partenza bruciante dei giocatori sardi, il finale di gara è stato caratterizzato da tanti errori, soprattutto di Mekowulu che ha continuato la gara in calando rispetto all’inizio, poche volte vittorioso a rimbalzo e impreciso sotto canestro. Il calo del numero 21 biancoblù sommato alla poca lucidità di Kruslin nel finale, hanno fatto il gioco di Varese facendo terminare il quarto con i biancorossi in vantaggio (48-50).

Terzo Periodo
Al ritorno dagli spogliatoi si è vista una Dinamo più presente rispetto a quella vista in conclusione del secondo periodo. Mekowulu ha iniziato il quarto iscrivendosi subito a referto, e dopo una poca lucidità in fase difensiva ha dato più presenza a rimbalzo, lottando e facendo valere i suoi centimetri. Nonostante il bel gioco che ha prodotto il quintetto biancoblù è mancata la precisione, tanti tiri sbagliati che hanno vanificato quanto di buono fatto a livello difensivo. Bendzius, dopo due minuti di retine inviolate, ha fatto muovere il tabellino con una bomba dai 6.75, replicata subito da Keene che ha smorzato sul nascere l’entusiasmo sassarese. L’ingresso di Diop ha dato maggiore sicurezza al quintetto biancoblù, ma non è bastato per impedire a Varese di prendere il largo e l’ingenuità di Gentile a due decimi di secondo dallo scadere hanno portato Kell sulla lunetta riuscendo a siglare il +8 (69-77).

Quarto Periodo
L’inizio del quarto ha visto Logan e Treier prendere per mano i biancoblù e a suon di triple e rimbalzi hanno permesso di recuperare il gap portandosi sul -3 dopo 2′ (76-79). La mossa di Bucchi, che ha messo Burnell a uomo su Keene, ha dato i suoi frutti. L’americano di Varese ha smesso di fare buono e il cattivo tempo, e grazie alla tripla di Gentile e il canestro di Burnell, solution man di Bucchi, è stato sorpasso Dinamo (81-79). Il numero 14 biancoblù ha continuato a dominare sotto canestro, i suoi punti e i suoi ruggiti hanno fatto esplodere il Palazzetto, siglando il distacco sul +6 (85-79). Finale thrilling quello andato in scena negli ultimi minuti del quarto periodo, Varese ha reagito e dopo aver agganciato i biancoblù con Jones dalla lunetta, ha consolidato il vantaggio costringendo Bucchi a chiamare time-out per dare la sveglia ai suoi (89-93). Le triple di Logan e Bendzius, la lotta di Burnell hanno permesso ai giganti biancoblù di passare in vantaggio. Un errore di Diop su Keene a 15″ dallo scadere, ha permesso di non far scorrere ancora i titoli di coda, mandandolo sulla lunetta con tre liberi a disposizione. La parola fine alla gara l’ha messa il professore David Logan andando a schiacciare in contropiede e scacciando via le ombre del post Cavina (104-99).

 Dinamo Sassari-Varese 104-99 (28-27, 20-23, 21-27, 35-22)

Dinamo Sassari: Logan (20), Robinson (10), Kruslin (9), Gandini (0), Devecchi (0), Treier (8), Chessa (0), Burnell (16), Bendzius (17), Mekowulu (8), Gentile (6), Diop (10). Allenatore: Piero Bucchi

Varese: Kell (28), Beane (4), Sorokas (4), De Nicolao (9), Egbunu (3), Ferrero (4), Jones (12), Caruso (0), Keene (33), Mele (0), Bottelli (0), Frangos (0), Allenatore: Adriano Vertemati

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti