agenzia-garau-centotrentuno

Eccellenza | Il Budoni liquida la Boreale, ora l’ultimo ostacolo Ellera

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares
signorino
sardares

Missione compiuta per il Budoni che si sbarazza della Boreale Don Bosco con un netto 4-0 nella gara di ritorno del primo turno dei playoff nazionali: per i galluresi si spalancano cosi le porte della finale, avendo bissato il successo di sette giorni fa a Roma, quando si imposero con il punteggio di 1-2.

Non c’è davvero storia nella gara di ritorno, con il Budoni che fa la parte del cannibale, mettendo in campo la miglior formazione possibile e indirizzando la qualificazione già nei primi minuti di gara. La formazione sarda schiera lo stesso 11 dell’andata con il duo d’attacco Meloni-Santoro, mentre in panchina torna Satta. L’inizio gara è arrembante, il Budoni entra in campo con piglio totalmente diverso rispetto al timoroso inizio di gara di sette giorni fa, e al 15’ è già in vantaggio: calcio di rigore fischiato da Scarano di Seregno, Meloni con freddezza supera l’estremo difensore avversario. Passano soli 7 minuti e arriva il raddoppio ad opera di Greco; micidiale uno-due per la squadra di Cerbone, Boreale al tappeto senza dare segnali di vita. Con la qualificazione ormai in tasca, per il Budoni è il tempo di gestire le forze, per una stagione iniziata ad agosto e ancora in corso di svolgimento, ma gestire le forze non preclude l’attacco alla porta laziale, che arriva con continuità e porta al gol del 3-0 al 41’ della prima frazione con Lamacchia. La prima frazione di gioco si chiude con un risultato netto per i sardi, che anche nella ripresa gestiscono il risultato e lo arrotondano al 75’, ancora con Meloni: implacabile il bomber nuorese, autore di 3 gol in queste due partite e a discapito dell’età (38 anni a ottobre): sono 32 in questa stagione per l’ex Carbonia e Muravera.

Missione compiuta dicevamo, ma il lavoro ancora non è finito: mancano ancora due partite per il Budoni per festeggiare il ritorno in Serie D, e l’ultimo scoglio si chiama Ellera Calcio: la formazione umbra ha superato nel doppio confronto lo Zenith Prato, battuto all’andata 1-0 mentre nel ritorno giocato oggi sono serviti i tempi supplementari per decretare l’1-1 che qualifica la squadra del comune di Corciano. Squadra alla portata del Budoni, che ha dimostrato di meritarsi la categoria superiore allestendo una rosa di prim’ordine. Una finale è però pur sempre una finale, da giocarsi nei 180 minuti: andata in Umbria, ritorno in Sardegna. Per il Budoni sarà fondamentale un buon risultato nei primi 90 minuti, in modo da giocarsi la promozione tra le mura amiche.

Stefano Piras

TAG:  Eccellenza
 
Notifiche
Avvisami se ci sono
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti