agenzia-garau-centotrentuno

Eccellenza | Il Carbonia ferma l’Ilvamaddalena, risale il Tempio

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares
sardares
signorino

Decima giornata del campionato di Eccellenza che vede in testa la classifica sempre l’Ilvamaddalena, che non va oltre il pari nella delicata sfida contro il Carbonia ma allunga sul secondo posto, che vede un terzetto di squadre con Villasimius, Ferrini e Tempio: i sarrabesi vengono sconfitti a Bari Sardo, i cagliaritani non vanno oltre il pari contro il Sant’Elena mentre il Tempio batte il Ghilarza e lo scavalca in classifica. Chi approfitta di questi risultati sono Tharros e Ossese, con i primi che battono il Calangianus in una battaglia durata oltre cento minuti, mentre i bianconeri sono corsari in casa dell’Iglesias. Chiudono il quadro la vittoria esterna del Taloro Gavoi contro il Bosa e il pareggio a reti bianche tra Li Punti e San Teodoro.

La sfida che attendeva l’Ilvamaddalena non era delle più agevoli, ovvero andare in casa del Carbonia fin qui vittorioso in tutte le gare giocate allo Zoboli. E in effetti i maddalenini non riescono a conquistare l’intera posta in palio, “accontentandosi” di un pareggio per 1-1 che per come si era messa la gara, è un punto guadagnato. Il Carbonia parte forte ma gli ospiti prendono le misure e aumentano la pressione, ma un lampo di Cordoba porta in vantaggio i minerari. L’Ilva spinge forte per il resto del primo tempo e per l’inizio della ripresa, dove arriva al gol del pari con Gjurchinoski; lo stesso attaccante macedone però viene espulso nel corso della ripresa, lasciando la sua squadra in inferiorità numerica. Punto che va bene ad entrambe le squadre, in particolare alla capolista perché allunga sul secondo posto, che vede ora un terzetto di squadre: Villasimius, Ferrini e Tempio.

Brutta sconfitta per i sarrabesi, che perdono la possibilità di avvicinarsi alla testa perdendo 3-0 a Bari Sardo, a cospetto di una squadra che ha ripreso la confidenza con la vittoria. Padroni di casa travolgenti con Aimi che sblocca il match nel primo tempo; nella ripresa il risultato viene arrotondato da Lorenzoni e da Donchovschi. Tre punti d’oro per gli ogliastrini che rivedono poco distanti i playoff. Per la Ferrini Cagliari invece un solo punto conquistato nella sfida contro il Sant’Elena, giocato sul neutro di Capoterra. Uno 0-0 che consente di fare un passo in avanti in classifica a entrambe le squadre. Passo lungo invece per il Tempio, che vince per 3-1 l’ennesima gara in casa nel big match di giornata contro il Ghilarza, reduce dalla seconda sconfitta consecutiva. I Galletti partono fortissimo e dopo 180 secondi sono già avanti con Aiana; alla mezz’ora il raddoppio porta la firma di Virdis. Al 38’ il Ghilarza accorcia con Caddeo ma nella ripresa i padroni di casa riallungano con Igene. Vittoria che permette alla squadra gallurese di superare proprio il Ghilarza in classifica.

Come abbiamo detto nell’intro, Tharros e Ossese approfittano dei piccoli rallentamenti in testa per avvicinarsi alla zona playoff. Gli oristanesi vincono una vera e propria battaglia contro il Calangianus per 1-0, galluresi alla prima sconfitta con Malu in panchina. I padroni di casa sono in palla e Atzori centra la traversa su calcio di punizione. Ospiti che devono fare a meno di Forzati, uscito per un duro scontro di gioco con la gara fermata per qualche minuto per le cure all’estremo difensore ex Taloro, ma fortunatamente non ha riportato gravi danni. Al suo posto subentra il portiere di riserva Inzaina, che deve però raccogliere il pallone dalla porta, per il gol messo a segno da Atzori che chiude il primo tempo. Ripresa che la Tharros gioca con l’uomo in meno per l’espulsione di Calaresu, ma sarà Inzaina a compiere almeno 2 interventi importanti per mantenere il risultato in bilico. La gara si chiude comunque con la vittoria dei padroni di casa, in grande ripresa dopo un inizio incerto; per il Calangianus è notte fonda, e i punti di distacco dalla zona salvezza aumentano a 7. L’Ossese vince invece in quel di Iglesias la sfida contro l’altra pericolante di questo torneo: uno 0-2 praticamente mai in discussione per gli uomini di Fadda, che stanno risalendo la classifica. Basta un gol per tempo: apre le marcature Bah nel primo tempo, chiude i conti nella ripresa Mudadu. L’altro risultato ad occhiali arriva dal Li Punti Stadium, dove Li Punti e San Teodoro non si fanno male: lo 0-0 permette ad entrambe di fare un passo in avanti e mettere in cascina punti comunque importanti. Infine, a Bonorva il Taloro chiude la brutta striscia di 4 partite senza vittorie e conquista i 3 punti vincendo 0-1 contro il Bosa. Il gol partita è segnato dall’instancabile bomber Mele, all’ennesimo gol con la maglia rossoblù di Gavoi.

CLASSIFICA: Ilvamaddalena 23 punti; Ferrini, Tempio, Villasimius 17; Ghilarza 16; Tharros 15; Ossese, Taloro, Bari Sardo, Li Punti e Carbonia 14; Sant’Elena 12; San Teodoro e Bosa 11; Iglesias 6; Calangianus 5; Villacidrese 1.

Stefano Piras

TAG:  Eccellenza
 
Notifiche
Avvisami se ci sono
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti