Fabio Aru, ecco le corse per il 2020

Via tutti i veli sul programma di Fabio Aru per l’inconsueta stagione 2020.

Il villacidrese ha svelato le sue corse in un’intervista a L’Unione Sarda: “Il programma mi piace, ho la possibilità di mettermi alla prova in tante gare adatte alle mie caratteristiche”– il commento del Cavaliere dei Quattro Mori al quotidiano. La prima gara in programma sarà la Vuelta a Burgos dal 28 luglio al 1° agosto; ancora l’organizzazione non ha rilasciato in maniera ufficiale le cinque giornate che compongono la breve corsa a tappe, ma tradizione vuole che le 5 frazioni tutte in linea siano molto nervose. A inizio anno erano previsti i difficili arrivi in salita di Lagunas Neila e l’Alto de Picon Blanco che molto probabilmente verranno riproposti. Successivamente il sardo correrà in Francia: il 6 agosto la corsa in linea sul mitico Mont Ventoux (disputata per la prima volta nel 2019 con la vittoria di Herrada dopo la lunga scalata del “Monte Calvo”), poi il il Tour de l’Ain con 2 delle 3 tappe che si svolgeranno in alta montagna con gli arrivi di Lelex Monts-Jura e sulla Grand Colombier, vetta più volte scalata dal Tour de France.

In programma poi tre classiche italiane; nell’ordine il prossimo trentenne della UAE Team Emirates affronterà il Gran Piemonte (12 agosto), poi a Ferragosto Il Giro di Lombardia e il Giro dell’Emilia col classico circuito sul San Luca di Bologna. Rinuncia invece a una gara a cui Aru tiene particolarmente come la Milano-Torino che quest’anno proporrà un arrivo per velocisti a Stupiningi al posto della classica doppia scalata del Colle di Superga. Le tre gare serviranno in preparazione al Campionato Italiano che si svolgerà in Veneto il 23 agosto che proporrà un percorso molto adatto alle caratteristiche del “Cavaliere dei Quattro Mori”. Archiviata la gara tricolore il mirino si punterà sul Tour de France dal 29 agosto al 20 settembre e magari sul Mondiale di Aigle-Martigny in Svizzera, anche questo con un percorso che si sposerebbe perfettamente alla sua indole di scalatore. Ultimo impegno stagionale sarà La Vuelta dal 20 ottobre all’8 novembre: saranno poco meno di tre mesi intensi in cui Aru cercherà di riscattare gli ultimi 2 anni sfortunati e cercare un nuovo contratto per la stagione 2021.

TAG:
 Fabio Aru

AL BAR DELLO SPORT

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti