agenzia-garau-centotrentuno
gaspardo-burnell

Gaspardo affonda la Dinamo, Sassari sconfitta a Brindisi (89-80)

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Le percentuali irreali della prima parte di gara di Brindisi hanno condizionato la gara della Dinamo Sassari, sconfitta 89-80 al Pala Pentassuglia dal quintetto di casa: dopo la vittoria sul filo di lana contro Pesaro, arriva quindi la prima sconfitta per gli uomini di Cavina che non sono riusciti nella rimonta e nel riscatto dopo l’eliminazione proprio per mano dei ragazzi di Vitucci ai quarti di Supercoppa.

La cronaca
Cavina sceglie Battle nel classico quintetto titolare al posto del neo-papà Clemmons che aveva saltato la gara di Pesaro: inizio di gara intenso ed equilibrato dove le squadre trovano anche buone percentuali dall’arco con Bendzius e Josh Perkins particolarmente caldi. L’equilibrio lo spezza Gaspardo che trova due triple di fila per il 21-14 che induce al timeout Cavina. Il minuto di sospensione non sfredda la mano dei brindisini che continuano a bombardare da tre (8/9 nei primi 10′), ma Clemmons e poi il gioco da tre punti sulla sirena di Mekowulu limitano il divario a 7 punti a fine primo quarto. Secondo parziale dove l’Happy Casa riparte forte, Battle si carica la squadra sulle spalle e mantiene in linea di galleggiamento i suoi. Borra offre un buon contributo dalla panchina, ma Brindisi non trema e mantiene sempre la gara in controllo con una Dinamo che passa a zona, punita da Adrian e dalla tripla di Chappell per il +14. Il finale dei primi 20′ è di marca sassarese con Logan e Burnell che confezionano il parziale di 5-0, chiuso dalla magata di Chappell per il 52-41 che manda tutti negli spogliatoi.

Percentuali decisamente più basse al rientro in campo, Sassari ne approfitta e con un 5-0 firmato interamente da 5-0 prova a riportarsi completamente in partita. Brindisi non molla un centimetro, il Banco di Sardegna, nonostante gli sforzi, non riesce a rosicchiare lo svantaggio che rimane sempre intorno alla doppia cifra anche all’ultimo mini-intervallo (67-57). Il canovaccio della gara non cambia nell’ultimo quarto, la Dinamo prova sempre  a rosicchiare terreno ma i padroni di casa si mantengono sempre a distanza di sicurezza, nonostante un Logan finalmente in partita: la svolta arriva ai -4′ dalla fine, doppia palla persa brindisina e Clemmons punisce in contropiede e poi dall’arco con un parziale di 5-0 che riporta a -4 i sardi. Il magic moment biancoblù viene spento però dal solito Gaspardo, alley oop in backdoor, seguita dalla sesta e la settima tripla della sua gara per l’84-72 che chiude di fatto i conti. Sassari sconfitta che tornerà in campo in Champions League martedì sera contro Ludwigsburg.

Matteo Porcu

Happy Casa Brindisi – Dinamo Banco di Sardegna Sassari 89-80 (30-23, 22-18, 15-16, 22-23)

Brindisi: Adrian 17, N.Perkins 9, J. Perkins 16, Gaspardo 29, Carter, Zanelli, Visconti 4, Ulaneo, Redivo 7, Guido, Chappell 5, Udom 2. Coach: Vitucci

Sassari: Mekowulu 13, Bendzius 11, Burnell 10, Gentile 9, Clemmons 15, Logan 7, Devecchi, Treier, Battle 12, Borra 3, Chessa, Gandini. Coach: Cavina

 

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti