agenzia-garau-centotrentuno
Gigi Riva in acrobazia con la maglia della Nazionale

Riva: “Che dispiacere per Maradona, quante similitudini tra noi”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Alcune persone hanno un vento particolare dentro, un’anima quasi mai a bonaccia. Gigi Riva e Diego Armando Maradona, così profondamente diversi e così simili a livello di epicità, condividono le stesse folate umorali. Quelle del genio, quelle dell’uomo a cui passare la palla o tendere la mano nei momenti di massima difficoltà personale.

Eroi entrambi delle loro porzioni di mondo. Entrati nel mito ancora prima che la loro avventura su questa terra avesse mostrato la parola fine. Divinità in un mondo di mortali ma campioni perché capaci di stare spesso per primi dalla parte degli ultimi. La notizia della morte dell’amico Diego a Riva è arrivata, un po’ come a tutti, all’improvviso. A pochi minuti dall’inizio della partita del suo Cagliari, in Coppa Italia contro il Verona. Un mercoledì che resterà nella storia del pallone, e non solo.

“Se ne va uno dei più grandi della storia di questo sport. – dice Riva – E sono profondamente dispiaciuto perché era un amico e una persona vera. Ogni volta che ci vedevamo c’era un feeling speciale tra di noi. Un campione del calcio con il quale condivido tante similitudini. Entrambi abbiamo lottato per l’amore di quella che sentivamo come la nostra gente”.

Roberto Pinna

 

Al bar dello sport

1 Commento
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti