Giro di Sardegna, tutto rinviato al 2021?

Il ritorno nel panorama ciclistico internazionale del Giro di Sardegna potrebbe slittare.

A qualche settimana dalle parole dell’Assessore al Turismo Chessa, sono arrivate anche quelle del presidente della Federciclismo e Vice-presidente UCI Renato Di Rocco che potrebbero frenare lo svolgimento della manifestazione per il 2020. Secondo quanto raccolto da L’Unione Sarda, il dirigente avrebbe consigliato di non disputare il Giro di Sardegna a inizio e fine stagione per via di un sovraffollamento del calendario internazionale: “L’alternativa sarebbe a luglio, perché la contemporaneità col Tour de France paradossalmente porterebbe vantaggi in fatto di audience televisiva”-le sue parole al giornale cagliaritano.

Data che non andrebbe a genio comunque alla Regione che vede nel giro ciclistico un’opportunità di destagionalizzazione per il turismo e un’eventuale inserimento a calendario a luglio potrebbe avere un effetto di cannibalizzazione nelle prenotazioni alberghiere. In più il calendario UCI a luglio è mai come quest’anno affollato: la prova in linea delle Olimpiadi di Tokyo 2020 (25 luglio) fa gola a molti big, senza contare il fascino de La Grande Boucle (27 giugno-19 luglio) e chi sceglierà come rodaggio per la manifestazione a cinque cerchi il Giro di Polonia, quest’anno anticipato dal 5 all’11 luglio. Ecco quindi che un rinvio al 2021, a una data classica di inizio stagione, risulta lo scenario più probabile.

Matteo Porcu

TAG:

Ciclismo

Accedi per commentare

Sponsorizzati