Giulini: “Il recupero? Ok il regolamento, ma…”

Il commento del presidente Tommaso Giulini ai microfoni di SKY dopo la sconfitta con la Lazio.

“Oggi c’è più soddisfazione che delusione per quello che stiamo facendo da 14 giornate. Stiamo facendo qualcosa di straordinario. Oggi Maran ha preparato la partita in modo egregio contro una squadra che ha dimostrato tutte le sue qualità. Ora pensiamo subito alla partita di Udine. Il recupero? La spiegazione che ci è stata data è che i sanitari sono entrati 5 volte quindi un minuto a entrata più i cambi: il totale di sette minuti è fatto, ma il loro gol è arrivato dopo il 97’e 30”.

Mercato per inseguire l’Europa? Noi viviamo partita dopo partita, allenamento dopo allenamento. Non sarò soddisfatto se non faremo una buona partita a Udine. Voglio che allenatore e rosa pensi a fare bene lì. Il collettivo è stato meraviglioso, abbiamo affrontato la Lazio senza 7 potenziali titolari. Quando giochi una partita di questo livello i cambi diventano fondamentali, la Lazio senza nulla togliere ai nostri sostituti, aveva più qualità con gli innesti. Voglio citare due giocatori in particolare del nostro collettivo, Cacciatore e Cigarini che hanno aspettato fino alla scadenza senza accettare altre squadre perché volevano assolutamente rimanere qui a Cagliari. Sono sempre tra i migliori in campo e rappresentano lo spirito di questa squadra”.

Poi una polemica con lo studio sui giocatori a terra: “Generalizzare questo concetto mi sembra sbagliato. Vorrei che questo regolamento sia sempre applicato. Mi prendo questa spiegazione regolamentare, anche se ogni interruzione è durata meno di un minuto. Potremmo discuterne, sarei curioso di sapere il tempo effettivo della partita. Per me è stato una gara meravigliosa con intensità, non mi pare ci fossero tante interruzioni con barelle”.

Conclusione a SKY sulla presidenza onoraria di Riva: “Mercoledì ci sarà un’emozione incredibile: è una gioia che Gigi da persona schiva abbia accettato questa carica. Mi rende orgoglioso ed è un regalo meraviglioso per i tifosi: oggi mi rode che tornino a casa con una sconfitta dopo quei 7′ di recupero”.

In sala stampa un commento più approfondito sulla gara: “Potevamo andare tranquillamente 2-0 al riposo, penso che sarebbe cambiato molto se questo fosse successo. Abbiamo giocato un buon secondo tempo, con tante occasioni da ambo le parti. Purtroppo siamo andati in debito d’ossigeno negli ultimi 10′. Ciò non toglie nulla al campionato che stiamo facendo, Maran ha preparato al meglio una partita difficile contro una grande squadra. Per noi è stata l’ennesima giornata meravigliosa di sport, dispiace il risultato: non meritavamo la sconfitta dopo i 98 minuti e 30 di oggi. Il mantra di quest’anno però è quello di pensare già al prossimo allenamento e alla prossima gara. Ma il calore del pubblico è stato pazzesco, il rammarico è principalmente per loro e per questa squadra che sta facendo cose incredibili. Zona Champions? Dobbiamo davvero uscire da Udine con i tre punti, perché bisogna che tutti si tolgano questo sguardo incazzato come quello che ho io. Perché non ci meritiamo questa sensazione, ma dobbiamo tornare a sorridere”.

dall’inviato Francesco Aresu

 

avatar
500

Sponsorizzati