agenzia-garau-centotrentuno

Hermaea ancora vincente: grande rimonte a Busto Arsizio

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Ancora un pomeriggio da ricordare. Dopo aver piegato la capolista San Giovanni in Marignano, le aquile tavolarine volano sempre più in alto e ghermiscono un’altra preda prestigiosa come la Futura Giovani Busto Arsizio, superata nel più incredibile dei modi sul taraflex di Castellanza. Sconfitte nettamente nei primi due set, le olbiesi sembravano ormai sull’orlo della sconfitta, ma una prodigiosa reazione nel prosieguo del match ha permesso di conquistare al tie break la quinta vittoria stagionale (25-12; 25-16; 21-25; 13-25; 10-15 i parziali). Top scorer Maruotti, tra le principali protagoniste della gara con 17 punti, ma tutta l’Hermaea ha saputo confermare gli evidenti segnali di crescita dell’ultimo periodo.

LA GARA – Coach Guadalupi propone lo starting six collaudato con Allasia in regia, Renieri opposto, Barbazeni e Babatunde centrali, Maruotti e Miilen in posto 4 e Caforio libero. Busto Arsizio schiera invece Demichelis in diagonale con Bici, Angelina e Biganzoli in banda, Casillo e Sartori al centro, mentre il libero è Garzonio.

L’approccio delle aquilotte non è dei migliori, e sul 5-2 Guadalupi deve già spendere il primo timeout. Le cose non migliorano nel prosieguo, con gli ace di Angelina e Bici che consentono alla Futura Giovani di doppiare le sarde sul 14-7. Le padrone di casa mantengono un livello molto alto in battuta e il gap aumenta rapidamente fino al +10 Busto (19-9). Guadalupi prova a rinforzare la ricezione inserendo Formaggio al posto di Maruotti, ma la musica non cambia, e la squadra di Lucchini chiude facilmente i conti sul 25-12 con il block out trovato da Bici.

Più combattuto – ma solo inizialmente – il secondo set, con l’Hermaea che si fa preferire a muro e sorpassa le avversarie sull’8-7. Finalmente in partita, le biancoblù rendono la vita difficile alle avversarie grazie a una difesa particolarmente caparbia. Angelina e compagne accelerano sul 17-13 con il servizio vincente (e fortunoso) di Sartori. Le cose si complicano ulteriormente dopo il pallonetto sbagliato da Maruotti, e Guadalupi corre ai ripari mandando nuovamente in campo Formaggio. Le isolane perdono, però, la convinzione di inizio set, e si staccano inesorabilmente fino alla resa finale, giunta sul 25-16 dopo una serie di errori grossolani.

Nel terzo set l’Hermaea trova una vera reazione e arriva a toccare il +3 (8-5 e timeout Lucchini). Busto insegue e ritrova la parità a 11 con una diagonale di Bici. La contesa prosegue sul filo dell’equilibrio, con le due formazioni che si avvicendano spesso in testa al punteggio. Sul 19-18 Hermaea messo a terra da Miilen, Lucchini interrompe nuovamente la gara, ma la volata finale sorride comunque alle galluresi, che rompono gli indugi dopo un’invasione avversaria (23-20) e poi accorciano le distanze nel conto set con l’errore in battuta di Biganzoli (25-21).

In fiducia, le biancoblù iniziano forte anche nel quarto parziale (subito 5-0 con ace di Miilen). La Futura Giovani si scuote dal torpore e guadagna il -2 (8-6), ma l’Hermaea trova risorse preziosissime da Babatunde, artefice del nuovo +5 con due ace consecutivi. L’inerzia del match scivola sempre più nelle mani delle ‘aquilotte’, capaci di doppiare le avversarie sul 14-7 (muro punto di Barbazeni). Lucchini le prova tutte per rianimare la sua squadra, ma in campo ci sono solo le olbiesi, che trovano anche la doppia cifra di vantaggio sul (20-10, diagonale di Maruotti), e poi vanno a strappare un meritato tie break col punto finale di Babatunde dalla linea dei 9 metri.

Nel quinto set la palla diventa molto pesante, ma non per l’Hermaea, che sfrutta l’onda positiva e si porta subito avanti sul 5-3 grazie all’ennesimo muro punto. Busto prova a restare in scia, ma al cambio campo insegue 3 lunghezze sull’8-5 (errore al servizio di Sartori). Caforio e compagne piazzano l’affondo decisivo sul +5 (12-7), con la palla messa giù da Renieri dopo uno scambio lunghissimo. Le lombarde non hanno più le forze per riaprire i giochi, allora Maruotti si prende la prima match ball, poi – dopo l’errore di Angelina – scatta la festa per la vittoria più pazza della stagione.

“È stata chiaramente una partita dai due volti – commenta il presidente dell’Hermaea Gianni Sarti – i primi due set sono stati appannaggio di Busto, squadra molto forte e costruita per il salto di categoria. Già nel secondo set si era vista una timida reazione, che però non ha avuto seguito. Dal terzo in poi, invece, è stato un crescendo continuo, al punto che non saprei nemmeno chi indicare come migliore in campo. Ci sono state delle grandi difese di Caforio e degli attacchi splendidi da parte di tutte le altre. Ho visto Miilen schiacciare un pallone con una veemenza difficile da vedere anche in A1. La partita era stata preparata bene, e averla vinta – peraltro contro una formazione che costa all’incirca il doppio della nostra – ci dà grande soddisfazione. Portare via due punti da Busto Arsizio non era preventivabile, ma restiamo umili e vediamo come prosegue la stagione”.

Futura Giovani Busto Arsizio-Hermaea Olbia 2-3 (25-12; 25-16; 21-25; 13-25; 10-15)

Busto Arsizio: Bici 19, Garzonio L, Casillo 13, Sormani, Biganzoli 6, Landucci, Sartori 8, Demichelis 2, Monaco, Bassi, Angelina 13, Badini, Lualdi. Allenatore: Lucchini

Olbia: Formaggio, Gerosa, Severin, Caforio L, Maruotti 17, Minarelli, Renieri 10, Miilen 13, Fezzi, Allasia 3, Barbazeni 8, Babatunde 13. Allenatore: Guadalupi

Arbitri: Cavicchi e Russo

La Redazione | Fonte Comunicato Stampa

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti