agenzia-garau-centotrentuno
Marco Spissu con la maglia Azzurra | Foto Italbasket

Italbasket, Spissu tra i 12 di Meo Sacchetti

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Mancava solo l’ufficialità della presenza di Marco Spissu tra i 12 giocatori dell’Italia che entreranno nella bolla in Estonia dopo aver sostenuto un ritiro di alcuni giorni all’Acqua Cetosa di Roma.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Il playmaker della Dinamo Sassari farà parte della rosa che affronterà le gare di qualificazioni all’Europeo contro Macedonia del Nord e Russia. Insieme al numero 0 biancoblù ci saranno anche Della Valle, Moretti, Baldasso, Tessitori, Ricci, Gaspardo, Michele Vitali, Pecchia, Alviti, Akele e Pajola. “Sono orgoglioso e onorato- ha commentato Spissu ai canali ufficiali della Dinamo- indossare la maglia dell’Italia è un sogno diventato realtà lo scorso febbraio e sono felice di poter continuare a rappresentare il mio paese. Andiamo in Finlandia con la consapevolezza di essere già qualificati ma allo stesso tempo la voglia di fare bene e lavorare al meglio in vista dei prossimi impegni. Vogliamo rappresentare al meglio il nostro movimento e scenderemo in campo per vincere”.

Spissu non sarà il solo biancoblù a giocare con la propria nazionale in questa finestra nazionali; nel Gruppo B anche l’Estonia di Kaspar Treier che affronterà la Russia sabato 28 novembre e la Macedonia del Nord il 30. “Sono davvero felice di essere qua con la nazionale – ha commentato il numero 3 biancoblù- ogni chiamata è sempre motivo di grande orgoglio. Queste partite per noi sono estremamente importanti perché abbiamo la possibilità di qualificarci agli Europei 2022 e daremo il massimo per riuscirci”. I croati Miro Bilan e Filip Kruslin voleranno a Istanbul per le gare contro Turchia e Svezia: “Giocare per la propria nazionale è sempre un grande onore e motivo di orgoglio per un giocatore– ha dichiarato il centro-. Quando senti in campo, poco prima della partita, senti l’inno sei pervaso da un grande senso di appartenenza e gioia, ma senti anche la grande responsabilità di dover rappresentare al meglio il tuo paese. Sai che hai gli occhi puntati addosso, hai l’onere di rappresentare te stesso e il tuo popolo. È una grande gioia e, soprattutto se vinci partite importanti, ricevi grande supporto e affetto. È diverso dal giocare per un club, è qualcosa di unico, senti che il tuo paese ti sostiene. Mi conoscete, non sono uno che si fissa obiettivi troppo lontani: guardo come sempre una partita per volta. Ora ci aspettano due partite, voglio giocarle al meglio senza guardare troppo in là”. Gli fa eco la guardia appena rientrata da un periodo di inattività causa coronavirus: “Essere parte della nazionale croata è sempre qualcosa di speciale, ho sempre sognato di poter rappresentare il mio paese ed è sempre una grande emozione. Una delle esperienze più belle che abbia mai vissuto è stata l’Olimpiade di Rio de Janeiro nel 2016. In questa finestra di qualificazione il nostro obiettivo è qualificarci per gli Europei e sono molto fiducioso”

Altro biancoblù in nazionale è Eimantas Bendzius, impegnato con la Lituania che affronterà Belgio e Danimarca: “In Lituania il basket è lo sport numero uno in assoluto: chiunque cresce sognando un giorno di indossare la maglia della nazionale- le parole di Bendzius ai canali ufficiali Dinamo- Anche per me è sempre stato il mio pensiero fisso, un sogno che è diventato realtà. Sono felice di essere qui e prendere parte a questa qualificazione, è un onore giocare per il mio paese. Sono orgoglioso di essere lituano e farò il possibile per rappresentare al meglio la mia nazione. È un piacere e un onore giocare per questa maglia”.

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti