agenzia-garau-centotrentuno
Eimantas Bendzius contro Tenerife

La Dinamo Sassari crolla a Tenerife (115-85)

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

È una serata da dimenticare per la Dinamo Sassari che esce sconfitta dalla Santiago Martin Arena di Tenerife e perde l’occasione per qualificarsi da prima alla fase successiva di Basketball Champions League.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Partita tosta sin dalle prime battute. La Dinamo parte bene cercando di impedire agli avversari di entrare nel pitturato, mentre Tenerife difende a tutto campo. È una scelta che paga per i padroni di casa, che trovano in Guerra un’insolita bocca da fuoco. Burnell prova a tenere a galla il Banco, ma i canari scappano e chiudono il primo quarto a +14. Pozzecco chiede una mano a capitan Devecchi, ma in questa stagione le ginocchia sono l’incubo di Sassari: un movimento innaturale e il numero 8 è costretto a uscire aiutato dal coach e da Tillman. Questo brutto momento, tuttavia, genera una scarica adrenalinica: Bilan inizia il classico clinic sotto il ferro, Tillman mostra segni di vita e la mano di Kruslin è abbastanza ferma. Il Poz paga dazio e prende un tecnico neanche quotato e il primo tempo si chiude 50-43.

Il terzo quarto si apre sulla falsariga della partita vista sinora: l’Iberostar difende a tutto campo e trova in Fitipaldo un bombardiere affidabile. Rispetto al primo periodo, però, il Banco può mettergli contro Bilan e un Gentile particolarmente ispirato. Non sembra bastare: rispetto alla gara d’andata, infatti, anche gli esperti Huertas e Shermadini danno il loro contributo e i padroni di casa tentano un nuovo allungo chiudendo il quarto a +15. La pietra tombale sulla partita sono le triple del finlandese Salin, interessantissimo fromboliere in uscita dai blocchi. Shermadini fa il bello e il cattivo tempo, mentre Tillman attiva il suo gioco in post, ma quando i buoi sono già scappati. L’espulsione di Burnell nel finale per un fallo antisportivo oggettivamente inesistente e il tecnico successivo è l’ennesimo esempio della storia del basket in cui la terna arbitrale cerca un ruolo di protagonista. Finisce 115-85 per i canari.

Lello Stelletti 

Iberostar Tenerife – Dinamo Banco di Sardegna Sassari 115-85 (29-15, 21-28, 32-24, 33-18)

Tenerife: Cavanaugh 16, Huertas 15, Guerra 16, Shermadini 19, Butterfield 7, Fitipaldo 16, Salin 14, Brnovic, Diez, Doornekamp 2, Lopez, Rodriguez 10.

Sassari: BIlan 24, Bendzius 2, Burnell 15, Spissu 6, Gentile 9, Tillman 12, Kruslin 12, Katic 2, Treier 3, Devecchi, Gandini, Re.

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
sandy-sardinia-spiagge-sardegna