L’AIC frena: “Perplessi sulle tempistiche della ripresa”

Prosegue il batti e ribatti sulla possibilità di concludere la tribolata stagione 2019/2020 della Serie A.

A qualche ora dalle parole del presidente del CONI Giovanni Malagò, che si è detto quasi certo della ripresa della stagione, l’Assocalciatori ha emesso un comunicato in cui ha fatto emergere dei dubbi sulle modalità del restart; sotto la lente d’ingrandimento dell’AIC sono finite le tempistiche del ritiro del gruppo squadra e l’esigenza di avere maggiore chiarezza sui futuri protocolli da attuare.

Al termine dell’incontro con i rappresentanti delle squadre di Serie A, al quale ha partecipato il dottor Walter Della Frera, per esaminare le modifiche apportate al protocollo FIGC a seguito delle indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico del Governo, sono emerse perplessità che riguardano soprattutto le tempistiche della ripresa della stagione. “ L’ipotesi del ritiro per la creazione del “GRUPPO Squadra” è stata valutata e condivisa fin dall’inizio, ma in assenza di date certe per la ripresa del campionato 2019/2020 appare prematura ogni valutazione sulle tempistiche di svolgimento dello stesso– si legge nel comunicato-. Inoltre, le modalità di gestione delle eventuali positività di un membro del “GRUPPO Squadra”, così come definite dal nuovo protocollo, non sembrano idonee a garantire la conclusione del campionato; esiste il concreto rischio di doversi fermare nuovamente non appena si potrà tornare in campo, vanificando così tutti gli sforzi profusi. L’esigenza sentita da tutti noi è quella di avere chiarezza sui futuri protocolli concretamente attuabili nelle settimane successive alla prima fase di ritiro, soprattutto con riguardo alle modalità di svolgimento delle partite di campionato; la consapevolezza dei passi da compiere per tornare in campo ci aiuterebbe a condividere un percorso, senza malintesi e rischi inutili in questo momento. Nelle prossime ore e nei prossimi giorni si valuteranno ulteriormente tutti gli aspetti critici, anche attraverso un confronto con i medici, i tecnici e gli arbitri che, come i calciatori, non vedono l’ora di trovare la giusta modalità di ripresa, preservando l’incolumità e garantendo l’uniformità di trattamento per tutte le persone coinvolte”. Il tiramolla continua, la Serie A potrà riniziare?

 

TAG:
 Serie A

AL BAR DELLO SPORT

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti