agenzia-garau-centotrentuno
La festa del Latte Dolce al termine del playout vinto contro il Nuova Florida | Foto Facebook Latte Dolce

Latte Dolce | Giovani e identità: il punto sul mercato dei sassaresi

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares
sardares
signorino

Giornate di programmazione quelle che chiudono il mese di maggio in casa Latte Dolce, con il club biancoceleste al lavoro per progettare la rosa che verrà. Obiettivo principale resta la salvezza in Serie D, conquistata nella stagione appena conclusa grazie a un pazzo playout contro il Nuova Florida vinto per 3-2 ai supplementari, con la volontà però di alzare l’asticella in vista della prossima annata 2024/25.

Basi

Una stagione importante quella appena conclusa in casa Latte Dolce, non tanto per l’obiettivo salvezza raggiunto in extremis quanto più per la presa di consapevolezza avuta da parte del club in merito a ideali e progetti. “Vogliamo essere la squadra del quartiere, in passato si è cercato di raggiungere obiettivi che poco hanno a che vedere con il Latte Dolce. Dobbiamo valorizzare i nostri giovani e ciò che abbiamo in casa”. Parole del presidente dei sassaresi Roberto Fresu ai nostri microfoni al termine del playout vinto contro il Nuova Florida. Dichiarazioni che puntano a tracciare la linea da seguire in vista del futuro. Ed è proprio da questo ciò su cui si è puntato per gettare le basi del Latte Dolce 2024/25, con la promozione a tecnico della prima squadra di Gabriele Setti, in precedenza responsabile del settore giovanile biancoceleste. Far crescere i ragazzi del territorio, ma allo stesso tempo ripartire dallo zoccolo duro della prima squadra. Da chi negli anni ha creduto nel Latte Dolce anche durante i momenti difficili, ne ha sposato la filosofia ed ha voglia di far crescere il progetto. La prima settimana di giugno in questo senso sarà decisiva per costruire la nuova squadra, con il club che in questo periodo si siederà a tavolino con i giocatori per gettare le fondamenta da cui ripartire nella prossima stagione.

Futuro

Fiducia e carta bianca, sono queste le armi a disposizione del nuovo tecnico dei biancocelesti per costruire la rosa del prossimo anno. Guardare al proprio vivaio, ma allo stesso aggiungere qualche tassello alla voce under già pronto e rodato per la Serie D. In questi primi giorni di mercato il club biancoceleste sta lavorando anche in questo senso. Tra i vari profili sondati c’è quello di Lorenzo Rea che nell’ultima stagione, dopo aver trascorso il girone di andata tra le fila dell’Akragas (girone I), è approdato al Nuova Florida durante la sessione invernale. L’esterno sinistro classe 2002 tra Agrigento e Ardea ha collezionato 16 presenze, sfidando in due occasioni i biancocelesti e subentrando a gara in corso. Non solo giovani ma anche profili esperti che possano fare da traino per gli under. Per l’attacco il nome sondato dal Latte Dolce è quello di Pietro Pegollo. Centravanti fisico classe 1993 nella scorsa stagione retrocesso con il Real Forte Querceta, ma autore di un discreto campionato con 8 reti in 33 presenze complessive. L’attaccante ha ricevuto diverse proposte, ma allo stesso tempo vorrebbe fare un’esperienza in Sardegna, fattore che potrebbe incidere qualora i sassaresi volessero fare sul serio. Primi sondaggi quindi per il Latte Dolce con il club di via Leoncavallo che, dopo il meritato riposo dal finale di stagione incandescente, guarda al futuro con l’obiettivo di vivere un’annata più tranquilla rispetto a quella appena trascorsa.

Andrea Olmeo

 
Notifiche
Avvisami se ci sono
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti