agenzia-garau-centotrentuno
scotto-lattedolce

Latte Dolce, rabbia Scotto: “Rigore sacrosanto, serve più equità dagli arbitri”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

La disamina del tecnico dei sassaresi dopo la beffa di Cardito contro l’Afragolese, gara decisa da un gol di Sorgente a due minuti dal termine.

Rabbia e tanta voglia di rifarsi. Così Pierluigi Scotto ai nostri microfoni commenta la sconfitta di misura contro l’Afragolese, una delle big del girone G, cui Cabeccia e compagni hanno saputo tenere testa anche in 10 uomini dopo l’espulsione per doppia ammonizione di Daniele Cannas: “Dopo una prestazione del genere fa male anche parlare. Il risultato ha detto che abbiamo perso 1-0, ma il campo ha detto tutt’altro. Ossia che abbiamo fatto una grande gara, tanto che non mi avrebbe accontentato neanche il pareggio. La bontà della gara e di quello che meritavamo è sotto gli occhi di tutti, se poi anche chi dirige la gara non ha la personalità di convalidare un rigore sacrosanto, allora si deve giocare anche contro le ingiustizie: vorrà dire che faremo anche quello”.

Attacco poco concreto
“Mancanza di concretezza? La si può combattere soltanto lavorando ancora di più, perché non conosco altre strade. I ragazzi meritavano di uscire dal campo con una vittoria, ma paghiamo ancora una volta una palla inattiva. Davanti bisogna essere più cinici, ma non ultimo chi dirige la gara deve avere la personalità e il coraggio di prendere le giuste decisioni: non è stato un arbitraggio equo, perché il rigore c’era tutto e in più è stato pure espulso il giocatore. I ragazzi meritavano i complimenti, ma non dovevamo prendere quel gol su calcio d’angolo, perché è stata un’ingenuità”. 

Francesco Aresu

TAG:  Serie D
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti