agenzia-garau-centotrentuno

Maran: “Cagliari, voglio darti una vittoria”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Il Cagliari torna in campo alla Sardegna Arena dopo due settimane tribolate tra il ritiro di Codogno e lo stop per l’emergenza coronavirus che ha causato il rinvio della gara col Verona.

Rolando Maran ha parlato in conferenza stampa nel Centro sportivo di Asseminello alla vigilia dell’incontro con la Roma.

Segui la diretta testuale della conferenza con gli aggiornamenti automatici (senza ricaricare la pagina)

a cura di Matteo Porcu (inviati Roberto Pinna e Francesco Aresu)

TERMINA LA CONFERENZA 

Su Ceppitelli: “Sta vivendo una situazione incredibile, è difficile poterlo aiutare per superare questo problema. Purtroppo è una situazione non semplice e questo dolore non passa nel momento in cui provi a caricare. Penso che per lui sia devastante”.

Ancora sulla Roma: “Hanno esterni d’attacco con molte varianti, subiscono pochi tiri e hanno grande fisicità: mi fa strano vederla lì, per me potrebbe essere molto più avanti. Hanno enorme potenziale”.

Sulla fiducia del presidente: “Avere la stima del tuo datore di lavoro, insieme a quella dei tifosi, è la soddisfazione più grande. Sapere di non riuscire a ripagare la fiducia con i risultati è un grande dispiacere, spero vivamente di dare le giuste situazione. Queste settimane ci hanno fatto accumulare rabbia che non ci fanno vivere bene”

“Paura contagio al Nord? Ci siamo trovati da mezzanotte alle tre su quello che sarebbe potuto accadere. Abbiamo vissuto tutto come un rincorrersi di cose, era un momento particolare perché alla fine era esploso il caso in quella giornata. Però è venuta fuori tutta la professionalità in quel momento”.

Sui tifosi: “Arriviamo da un periodo negativo, è innegabile: questi ragazzi in questo momento vanno sostenuti, dobbiamo essere noi a farci sostenere. C’è bisogno di grande compattezza, si può comprendere la delusione per questo periodo: quando usciremo da questa situazione lo faremo ancora più forti, siamo in una posizione in classifica che potrebbe ancora farci divertire”.

Su Paloschi: “In questo momento tutti si devono sentire pronti e devono capire che il bene del Cagliari viene prima di tutto. Come dal primo giorno, tutti si devono trovare pronti, Alberto compreso. Queste due settimane sono state positive, ognuno mi ha fatto capire di voler portare il proprio contributo”.

Sulle parole di Giulini: “Il presidente ha questo amore, si sente coinvolto e passa dei messaggi giusti: in questo momento ci serve sostanza e dobbiamo essere una squadra feroce”.

Su Cacciatore: “Per lui e Rog è stato un aspetto positivo questa pausa: ora si allenano con continuità con la squadra”.

Sulla Roma: “Quando passi il turno le energie sono tante, ma io voglio occuparmi delle energie dei miei ragazzi. Quello che abbiamo accumulato in ritiro prima di domenica scorsa e in questa settimana dobbiamo riportarla in campo. Vedere la squadra che lavora bene e non riportarlo in campo è un dispiacere”.

“Chi gioca per Nandez? Pereiro è un giocatore offensivo e noi dobbiamo mantenere un certo equilibrio: penso che domani soprattutto si debba mantenere, poi a partita in corso vedremo”.

“Non sono convocati Faragò, Ceppitelli e Nandez che è squalificato. Abbiamo finito male la gara col Napoli anche se non è mancata la volontà da parte dei ragazzi: al di là della squadra che incrociamo, dobbiamo mettere tutto noi stessi in campo: se facciamo questo, le nostre possibilità si alzano”.

“Quando siamo rientrati da Verona eravamo quasi più stanchi di quanto lo saremmo stati se avessimo giocato. Vogliamo riproporre la stessa convinzione e voglia che ci ha lasciato il ritiro anche nella partita con la Roma. Le ultime gare non sono state giocate come volevamo noi”.

“La cosa che dispiace è che le partite rinviate siano giocate a fine campionato, alcune di loro avranno degli scenari diversi. Prima del Verona abbiamo vissuto qualcosa di surreale: eravamo carichi per la partita, poi ci siamo trovati lì senza giocare. Una cosa che non mi era mai capitato prima, aspettare una giornata intera per capire quando giocare. Ci è dispiaciuto perché eravamo convinti di aver preparato una partita bene e con voglia di fare bene, così come lo siamo per questo con quella della Roma”.

INIZIA LA CONFERENZA

13:05 – Buongiorno dalla sala stampa di Asseminello, siamo in attesa di Rolando Maran che parlerà in vista di Cagliari-Roma valida per la 7ª di ritorno della Serie A.

 

 

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti