“Il modulo conta poco, serve continuità”

Alle 12.30 in programma ad Asseminello la conferenza stampa di Rolando Maran.

Vigilia di Sampdoria-Cagliari (domenica alle 12.30 al “Ferraris”) e l’allenatore rossoblù parla con la stampa in un momento difficile dal punto di vista delle defezioni. Gli infortuni, il ritorno alla vittoria col Parma, la necessità di mettere al sicuro la salvezza: questi, tra gli altri, i temi della giornata.

Clicca qui, aggiorna la pagina o premi F5 per seguire il LIVE in tempo reale!

13.01 – Finisce qui la conferenza stampa di Rolando Maran, che si è detto soddisfatto per la vittoria della Primavera di Canzi contro l’Atalanta.

Verde e Doratiotto convocati con la prima squadra, possono giocare dall’inizio? “Assolutamente sì”.

“La vittoria di Parma ci deve dare motivazione e continuità: se arriva la continuità di prestazione, arriverà anche quella di risultato. Faremmo volentieri a meno di questa situazione in avanti. Dobbiamo dimenticare i numeri, anche se non cambia la mentalità. Dobbiamo aggredire ed essere presenti in tutte le zone del campo, al di là che abbiamo solo una punta a disposizione”.

Come mettere in difficoltà la Samp? “Dobbiamo essere bravi a fare la prestazione, così da vendere cara la pelle. Pellegrini sta bene. Sau? Ci sarebbe stato utile domani (ride). Sono dispiaciuto che sia andato via, ma sono scelte che vanno rispettate. In trasferta sono convinto che dobbiamo fare meglio e che ci siano dei momenti di svolta. Domani sarà uno di questi. La Sampdoria ha una grande capacità realizzativa, ho guardato le statistiche ed emerge da quello una grande qualità davanti”.

Come sta Oliva? “Sta crescendo, ma è ovvio che sia partito con qualche difficoltà in più per la lingua e perché arriva da un calcio diverso. Sono settimane di grande emergenza, ho provato tante cose. Anche un centrocampo a 4 con Bradaric e Cigarini insieme, Filip ha dimostrato grande adattabilità e sono soddisfatto. Srna sta bene, se non ha giocato finora è stato per motivi tecnici. Bradaric sta meglio, Cigarini ha dalla sua la capacità di lettura non comune e ne ha sempre fatto una forza”.

“Sicuramente ho meno scelta – esordisce Maran -, perché vuol dire avere meno calciatori a disposizione. Il modulo conta poco (Maran fa una lunga pausa, ndr), in questo momento dobbiamo pensare a giocare bene. Davanti siamo un po’ falcidiati, sappiamo che siamo questi e dobbiamo andare in campo con la giusta mentalità. Siamo questi, concentriamoci su chi c’è”.

Fuori dalla lista dei convocati Cacciatore e Despodov, Romagna convocato ma non giocherà. “Recuperiamo Faragò”.

12.40 – Ecco Maran. “Nessun cambio di programma dovuto all’orario, non è più una novità giocare alle 12.30 anche se capita più di rado”.

12.35 – Ancora qualche minuto di attesa per Rolando Maran, che come spesso capita si fa attendere in sala stampa.

Francesco Aresu

Sponsorizzati