“Non do voti al mercato”

Alla vigilia di Cagliari-Atalanta, Rolando Maran in conferenza stampa.

Premi F5, aggiorna la pagina o CLICCA QUI per seguire la diretta in tempo reale!

Finisce qui la conferenza stampa. Rimanete su Centotrentuno.com!

Con Cacciatore e Pellegrini aumentano le rotazioni e Padoin-Faragò salgono in mezzo? “Sicuramente abbiamo più soluzioni, Paolo è già stato utilizzato in mezzo al campo, Padoin un po’ meno ma sicuramente è una soluzione”.

Despodov che impressione le ha fatto? “Era in ritiro pre-stagionale col CSKA Sofia, quindi dovremo essere bravi a inserirli bene e in fretta. E’ una seconda punta che può fare anche la punta esterna, ha grande brio e qualità. Su Oliva? E’ più centrale che interno, ad una prima visione, però devo capirli bene, fatemeli conoscere, anche se nei video ho già visto molto”.

Tanti ex Chievo nel gruppo. “Preciso che Thereau non lo ho mai allenato, secondo me è ideale come seconda punta, ma può fare anche la prima. Si è parlato molto del fatto che ho portato molti miei giocatori, ma è anche tanti anni che alleno e il mercato ha voluto che ci fossero queste opportunità, quindi non è il caso di dire che abbia voluto puntare solo su calciatori conosciuti da me nei tempi clivensi”.

Come si affronta l’Atalanta? “La partita dove ha fatto più fatica è forse l’andata contro di noi. Non c’è una sola ricetta, tra attaccarli e aspettarli, perché ti propone molte difficoltà. Sicuramente serve la partita perfetta, l’atteggiamento è fondamentale, partiamo dall’aspetto mentale”.

Cosa non vuole vedere del match di Reggio Emilia? “Partiamo da quello che abbiamo fatto nelle belle partite disputate, perché questi ragazzi hanno fatto tante cose buone. Voglio vedere aggressività, intraprendenza, coraggio, tutto quello che non si è visto a Reggio Emilia”.

Sta pensando anche ad un cambio di modulo? “Abbiamo lavorato su più situazioni, sono sincero. Per essere pronti a fare più cose, anche in funzione dei nuovi, ove decidessi di schierarli”.

La gara è ancora più difficile, vista la rivoluzione e viste le assenze (Barella squalificato)? “E’ il test più duro che potesse esserci, visto il momento e la forza dell’Atalanta. E’ una prova importante, mancheranno Barella e Bradaric, oltre a Cerri, Klavan e Castro. Dobbiamo rendere questo match una opportunità, tramutare tutto in energia positiva”.

Dei nuovi chi potrebbe giocare? “Devo valutare. Oliva non sarà disponibile, al 99%, perché non arriverà il transfert. Cacciatore è out. Gli ultimi quattro arrivati sono da valutare, vedremo…”

“Abbiamo messo dentro tante facce nuove, c’era bisogno di freschezza mentale nel gruppo, ora vedremo. Li devo valutare, sono qui da 2 giorni, ho voluto che stessimo insieme, che facessimo più lavoro sul campo possibile. Allenamento doppio venerdì, allenamento oggi e lunedì mattina, così da capire cosa ci possano dare”.

Le è piaciuto questo sliding door di mercato? Che voto dà alle operazioni fatte dal club? “Non devo dare io i voti, non faccio il professore. Parlo del mercato in modo riassuntivo perché poi mi voglio concentrare sulla partita. La società ha voluto accontentare chi voleva andare via, per il resto si è cercato di lavorare sia in prospettiva sia per l’immediato, prendendo calciatori che abbiano caratteristiche di freschezza. Cacciatore sarà out per un paio di settimane, il resto sono tutti abbastanza a posto, arruolabili, devono solo ritrovare il campo, perché è da un po’ che non giocano. Bisogna metterli in ritmo per averli pronti all’uso”.

12.41 – Ecco Maran, comincia la conferenza stampa

12.39 – Una decina i presenti tra giornalisti e operatori.

12.39 – Attendiamo il mister nella sala stampa della Club House di Asseminello

Finito il calciomercato, che ha semi-rivoluzionato il suo Cagliari, l’allenatore Rolando Maran parla nella sala stampa di Asseminello (ore 12.30). Il tecnico trentino illustrerà i temi di Cagliari-Atalanta (out lo squalificato Barella) e i risvolti delle ultime trattative, provando a far capire se dei nuovi – Cacciatore, Pellegrini, Leverbe, Oliva, Thereau, Despodov – possano già essere utili per il match di lunedì alle 21. Momento difficile per i sardi, che hanno all’attivo 1 vittoria in 10 partite e vengono da diverse prestazioni negative. Di fronte un avversario fortissimo e lanciatissimo come quello guidato da Gasperini, battuto all’andata.

Fabio Frongia