Maran: “Riscattiamoci!”

Giovedì di conferenza stampa ad Asseminello. Il tecnico del Cagliari Rolando Maran presenta ai media l’anticipo della 28ª giornata tra i rossoblu e la Fiorentina allenata da Stefano Pioli.

Finisce qui la conferenza stampa di Rolando Maran, rimanete su www.centotrentuno.com per tutti gli approfondimenti.

Ha portato Joao Pedro a farsi benedire vista la sfortuna? “Io sono molto ottimista per Joao Pedro, davvero (conclude col sorriso, ndr). Cacciatore? E’ disponibile, abile e arruolabile”.

Quanto conteranno vento e spazi da non lasciare alla Fiorentina? “Bisogna essere bravi ad aggredire la Fiorentina già nella loro costruzione, perché così aiuti i difensori a fronteggiare gli attaccanti, a non dare troppo spazio a gente come Muriel. Il vento? Siamo abituati, non preoccupiamoci”.

La sosta, le squalifiche e la condizione di alcuni giocatori la influenzeranno nelle scelte? “No, ve lo dissi anche prima dell’Inter. Non si fanno calcoli, i punti si possono trovare contro chiunque, quindi pensiamo solo alla Fiorentina”.

Sono uscite delle voci su Maran-Fiorentina, come le commenta? “Non le ho lette e non mi interessano. Adesso io voglio pensare al Cagliari e a scrivere belle pagine con i rossoblù”.

La gara contro l’Inter è un esempio? “Certamente, l’atteggiamento è quello, deve essere quello. Bisogna scrivere un’altra pagina di quel tipo, vogliamo un altro bel risultato”.

A Bologna che cosa voleva ottenere col cambio nell’intervallo Padoin-Despodov? “Kiril (non convocato a causa di un affaticamento muscolare per la Fiorentina ndr) doveva darmi la profondità che non avevo nel primo tempo. Doveva attaccare lo spazio e noi avremmo dovuto innescarlo con continuità, non ci siamo riusciti, lui non è entrato bene nel match e le cose sono andate un po’ a monte”.

“Ben venga giocare subito dopo 5 giorni, occorre essere carichi di energia, domenica ho detto che avrei voluto giocare subito. A Bologna qualcosa si è inceppato, sono mancate le caratteristiche che ci contraddistinguono e si sono viste contro l’Inter. Dobbiamo dare un segnale diverso. La Fiorentina è forte, ha qualità, ma noi dobbiamo pensare a quello che sappiamo e dobbiamo fare, la forza della Viola mi interessa poco”.

Il rientro di Birsa la porta a pensare di arretrare Barella? “Devo valutare tutte le situazioni. Bisogna essere pronti a qualsiasi situazioni, senza forzare delle scelte ma trovando i giusti antidoti ai problemi. Valter gioca ancora con un tutore, quindi non è certamente al top. Pellegrini? E’ convocato, lo valutiamo domani”.

Appuntamento alle 12.40 con l’allenatore del Cagliari. Tanti i temi da sviscerare dopo il brutto KO di Bologna per un Cagliari con il mal di trasferta. Ritornano dalla squalifica Faragò e Cigarini, out per squalifica Bradaric, fuori Despodov, Castro, Cerri e Klavan. Possibile debutto per Cacciatore sulla destra difensiva, torna arruolabile a pieno regime Birsa. Di questo e molto altro si parlerà tra poco con l’allenatore rossoblù.

a cura dell’inviato ad Asseminello Fabio Frongia

 

 

Sponsorizzati