Maran: “Ripartiamo con rabbia e orgoglio”

Conferenza stampa per Rolando Maran alla vigilia della seconda gara di campionato contro l’Inter.

Il tecnico trentino parla al termine di una settimana tra gioie e dolori, con i nuovi arrivati in casa rossoblu Simeone e Olsen e il grave infortunio di Pavoletti, subito nella sconfitta contro il Brescia.

a cura degli inviati Matteo Piano e Roberto Pinna

Tra i convocati spiccano gli assenti Bradaric e Despodov, al centro di voci di mercato: ci sono i nuovi arrivati (Simeone e Olsen) e Deiola, nonostante l’interesse di alcune squadre di B.

Portieri: Aresti, Olsen e Rafael

Difensori: Ceppitelli, Klavan, Lykogiannis, Mattiello, Pellegrini, Pinna, Pisacane, Romagna, Walukiewicz

Centrocampisti: Birsa, Castro, Cigarini, Deiola, Ionita, Nainggolan, Nandez, Oliva, Rog

Attaccanti: Cerri, Joao Pedro, Ragatzu, Simeone

Termina qui la conferenza stampa di Rolando Maran.

Caso Icardi? “Una cosa che non ci interessa, penso nemmeno ad Antonio. Penso non sia nemmeno giusto che commenti”

“A inizio stagione avevo parlato di un orgoglio e questo deve essere ancora maggiore dopo una partita deludente come quella col Brescia: devo essere bravo a infonderlo e farlo crescere nei giocatori e anche nei nuovi arrivati. Non dobbiamo avere paura di affrontare nessuno”.

“Mercato chiuso? Abbiamo fatto il massimo di quello che dovevamo fare, abbiamo preso il sostituto di Pavoletti negli ultimi giorni. Direi che sono soddisfatto e che è stato fatto un ottimo lavoro. Ci sarà ancora qualche uscita”.

Su Nainggolan: “Radja non deve dimostrare nulla, lo ha fatto l’anno scorso con 6 gol che hanno regalato la Champions all’Inter. Lui è concentrato sulla gara e solo su questa maglia”.

“Contro il Brescia siamo partiti bene, poi il loro gol annullato ci ha fatto cambiare qualcosa: avevamo un coraggio diverso e questo non deve succedere. Dobbiamo fare tesoro di quei 10 minuti iniziali convincenti e non dobbiamo farci condizionare dai momenti negativi”.

Mancanza di un regista vero: “Siamo la squadra che ha fatto più cross quindi non è vero che ci basiamo sui lanci lunghi: solo nel finale ci siamo fatti prendere dalla fretta e abbiamo cercato il lancio lungo, non vedo questo problema”.

Ancora sull’Inter: “Conte ha dato un’identità forte alla squadra sin da subito nonostante sia in Italia da pochi mesi”

Sui singoli: “Castro è rientrato domenica dopo qualche settimana di stop: devo capire anche con lui quanto può essere impiegato. Pellegrini? Era appena arrivato la settimana scorsa e ora ha aggiunto una settimana di lavoro, quindi è pronto per giocare”.

“Dobbiamo essere pignoli e scrupolosi se vogliamo fare una bella gara con l’Inter: i particolari non vanno lasciati al caso, come i tanti centimetri a loro disposizione”

Su Olsen e Simeone: “Ieri hanno avuto una giornata piena, hanno voluto partecipare a tutti i costi all’allenamento: sto riflettendo se metterli da subito, per il portiere è un ruolo diverso rispetto a uno di movimento e voglio rifletterci ancora. Devo trovare le soluzioni che sono più opportune”.

Sul ritorno di Barella: “So quanto Nicolò sentiva questa maglia ed è un figlio di questa terra: sono contento di rivederlo, spero venga accolto bene”

Sulla formazione: “Ci saranno tante novità tra arrivi e infortuni: quindi mi riservo qualche ora ancora per pensare allo schieramento”

“Abbiamo lavorato su alcuni accorgimenti per sapere leggere le partite in ogni condizione, al di là dell’infortunio di Leo: non deve essere una situazione che ci deve far cambiare strada e non deve cambiare il nostro DNA”.

L’inserimento di Rog: “Marko è stato il primo ad arrivare con noi nel mercato ed è già dentro determinanti meccanismi”.

Sull’Inter: Sicuramente è cambiata moltissimo che ha cambiato molto il suo valore dal punto di vista tecnico e di squadra: troveremo una delle tre contendenti allo Scudetto”.

Cagliari-Inter già decisiva? “Per il morale sarà importante farà una grande gara, dovremo mettere in campo l’aggressività e l’anima che comunque vada il risultato ci lascia qualcosa: dobbiamo cambiare registro dopo una partenza deludente”. 

“Sapete cosa rappresenta per questa squadra Leo, un giocatore che ha delle caratteristiche che abbiamo cercato di sfruttare: questo ci costringerà a cambiare qualcosa. Al di là di tutto mi dispiace per questi infortuni di Leo e Alessio. Sono arrivati due ragazzi nuovi che dobbiamo conoscere, ma che sono arrivati qui con grande entusiasmo. Dobbiamo capire come inserirli in un impianto collaudato: dobbiamo cercare di sfruttare la rabbia che ci hanno dato questi infortuni”.

11:58 – Inizia la conferenza stampa

11:50 – Ricordiamo la notizia arrivata in mattinata: l’arbitro designato per la gara Mariani sarà sostituito da Maresca: al VAR Michael Fabbri di Ravenna insieme a Fabiano Preti di Mantova.

11:44 – Potrebbe esserci qualche minuto di ritardo rispetto all’inizio previsto alle 11:45

11:40 – Buongiorno dal Centro Sportivo di Asseminello! Stiamo per raccontarvi la conferenza stampa di Rolando Maran in vista della gara della Sardegna Arena contro l’Inter.

Sponsorizzati