agenzia-garau-centotrentuno

Sant’Efisio, un’altra prima volta

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Programma soddisfatto a metà per quanto concerne il passaggio di Sant’Efisio tra Nora e Pula, prima del ritorno (sabato) a Cagliari. La pioggia copiosa caduta dal pomeriggio sulla Sardegna ha costretto a modificare l’iter.

I fedeli, comunque presenti in modo numeroso, in quel di Nora sono stati costretti a limitarsi alla preghiera al pellegrino con la statua protetta dalla tettoia. Quindi una mini-processione, senza la statua e con le sole reliquie, intorno alla piccola chiesa di adiacente agli scavi. Dopo la prima altera nos donna, dunque, un’altra prima volta per Sant’Efisio, al quale non era mai accaduto di non riuscire ad arrivare agli scavi di Nora

Il programma prevedeva, alle 18, la solenne processione con il simulacro lungo il percorso che porta agli scavi di Nora e rientro dalla spiaggia. Intorno alle 20, un po’ dopo l’inizio previsto per le 19.30, è iniziata regolarmente la processione verso la chiesa di San Giovanni Battista, a Pula, che in un primo momento pareva a rischio.

dall’inviata Chiara Cocco

Sant’Efisio sbarca in Scozia | LEGGI L’APPROFONDIMENTO!

Il cocchio durante la processione

TAG:  Attualità