Maran: “Importante ripartire bene con il Milan”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Venerdì di conferenza stampa in casa Cagliari alla vigilia della sfida contro il Milan.

Rolando Maran ha esordito parlando della situazione della squadra: “Non siamo partiti come volevamo, c’era da essere perfetti e non lo siamo stati. Ci abbiamo messo del nostro e abbiamo trovato una Juve in forma, ma tutto questo ci ha fatto fare una settimana da concentrati e arrabbiati: ora dobbiamo confermare tutto questo in campo”.

SCARICA LA NOSTRA APP ANDROID SUL PLAY STORE!

Sugli infortunati e i convocati: “Non ci saranno Pavoletti, Ragatzu, Ceppitelli, Cacciatore e Mattiello, gli altri ci saranno: Cragno lo portiamo con noi per onore di firma per fargli sentire l’aria dello spogliatoio, non è ancora pronto. Purtroppo Alessio non ha ancora fatto un allenamento pieno con la squadra, valuteremo giorno dopo giorno. Tutti hanno lavorato nel modo migliore e dobbiamo rimetterci a posto con la testa verso i nostri obiettivi. Ci sarà anche Ladinetti che è squalificato con la Primavera”. 

Sugli avversari e Ibrahimovic: “Quando un campionato annovera tanti campioni ne trae beneficio tutto il sistema. Ibra è un campione, ha caratteristiche importanti ed è un riferimento: dovremmo essere bravi a sporcare questo riferimento, essere bravi in copertura e stare con noi. Ora è difficile dare un giudizio sul Milan, cambiano tanto e cambiano anche le dinamiche: hanno potenziale e tecnica notevole, hanno un allenatore bravo e possono solo crescere”.

Sulla difesa: “Un aspetto che dobbiamo migliorare, ci stiamo lavorando: tante volte i gol sono arrivati per cause diverse, dobbiamo essere bravi a ritrovare la compattezza. Dobbiamo riandarla a cercare con grande forza, ci aveva dato tanta solidità nel passato”. 

Sul calendario: “La partita col Milan, unica in casa, ci deve far capire quanto sia importante: dobbiamo però far del calendario necessità e virtù, dovremmo essere bravi a sfruttare la spinta dei nostri tifosi”. 

Un primo bilancio sul girone d’andata: “Dobbiamo cancellare questo alone negativo di tre sconfitte, con un risultato importante torneremo a dimostrare quelli che siamo. Comunque vada saremo sesti al termine dei girone, un risultato importante contro il Milan sarebbe un valore più grande. Quando una squadra segna 16 volte su 18 penso sia un dato importante, vuol dire che riusciamo sempre a impensierire le difese: domenica mi è dispiaciuto non segnare, potevamo fare meglio sul possesso e sulla costruzione. Quando riesci a fare meglio su quegli aspetti difendi anche meglio e in questo siamo mancati domenica. Domani dovremo tornare a incidere in maniera sostanziale”. 

Sulle condizioni di Nandez: “Io l’ho visto in ripresa, aveva bisogno in maniera forte di recuperare perché non si era mai fermato dal campionato argentino. Io lo vedo nettamente meglio rispetto a prima della sosta”.

Sulle cessioni di Aresti, Pinna e Deiola: “Prima delle partite parlare di mercato non mi piace, voglio parlare solo di una partita importante. Mi piace sottolineare però come questi tre ragazzi abbiano dato tanto in allenamento e il merito del rendimento della squadra lo si deve anche a loro: voglio fare loro un in bocca al lupo”.

dall’inviato Francesco Aresu 

 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti