agenzia-garau-centotrentuno
Francesco Loi, tecnico del Muravera | Foto Centotrentuno

Muravera, Loi: “È andata come immaginavo, ma domenica sarà diverso”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Il commento del tecnico di Loceri, dopo la sconfitta di un coriaceo Muravera contro la corazzata Torres nel primo turno di Coppa Italia di Serie D.

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Le parole di Francesco Loi ai nostri microfoni al termine del match del Comunale di Muravera: “È andata come immaginavo e come era giusto fosse: una partita tra due squadre che ora non sono allo stesso livello, non so se potranno essere allo stesso livello durante il campionato dato la forza dell’avversario. La Torres è una squadra pronta a iniziare il campionato, noi siamo ancora ancora distanti dalla condizione ideale sia per assenze, per scelte tecniche per voler risparmiare 7-8 elementi dalle difficoltà di questa partita, perché onestamente era un obiettivo che ci poteva portare davvero poco come vantaggi e tanti svantaggi. Però i ragazzi l’hanno affrontata bene soprattutto nella prima fase di gara, con la giusta mentalità e il giusto spirito si son fatti valere per quello che è la qualità del momento. Dammacco da rivedere? Non era semplice per lui, una volta che son calati i ritmi, trovare gli spazi giusti e va anche detto che non è stato accompagnato dalla squadra. Ci sta, ha fatto i 90 minuti e gli è servito per la condizione. Davanti avevamo un esordiente del 2003, Piroddi, insieme a Mereu che è ormai un veterano anche se è soltanto del 2001: hanno lottato finché gliel’hanno concesso, poi la maggiore esperienza e mestiere dei loro centrali ha fatto sì che sparissero un po’ dal campo, perciò li ho tolti per evitare che si facessero male”.

“Anche il risultato alla vigilia poteva essere molto più pesante, considerando che ci siamo presentati con diverse assenze, ma direi che ci possiamo stare in questo campionato anche quest’anno. Ci servirà probabilmente un po’ più di tempo, anche se non ne abbiamo tanto perché domenica si gioca per i punti. Sarà una partita molto diversa da quella di oggi. Molta grinta? Era necessaria, perché con la Torres che arrivava qui già pronta fisicamente, a livello agonistico ha fatto una partita importante: se tu non l’affronti con la stessa mentalità, rischi di farti molto male, anche perché fisicamente sono una squadra molto preparata. E arrivando sempre prima di noi sulla palla, era giusto usare un pizzico di cattiveria agonistica in più che ti permette di fare una partita regolare. Ma è stata una partita corretta, loro hanno vinto meritatamente dimostrando di avere tante soluzioni. Noi ne abbiamo tante, ma oggi non le abbiamo potute utilizzare: al netto di chi ha giocato e lo ha fatto molto bene, in settimana metteremo altre frecce al nostro arco e allora potremo esprimere il vero valore del Muravera”. 

dall’inviato a Muravera Francesco Aresu 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti