agenzia-garau-centotrentuno
Francesco Loi, tecnico del Muravera | Foto Centotrentuno

Muravera, Loi: “Stiamo raggiungendo la maturità”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Il Muravera torna alla vittoria e lo fa in maniera convincete. Mister Francesco Loi ha parlato della partita vinta per 4-0 contro il Carbonia ai nostri microfoni. Queste le sue parole:

Una partita da squadra che voleva dimostrare di non meritare i risultati degli ultimi periodi senza però nascondersi da questi. Ho la fortuna di avere una squadra che sta raggiungendo la maturità per poter affrontare momenti difficili. Oggi era una partita difficilissima perché ho visto le partite del Carbonia, che non merita la posizione che ha in classifica perché gioca con tutti e ha sempre perso per gli episodi. Primo tempo abbiamo fatto bene entrambi, con l’uomo in meno poi nel secondo tempo per noi è stato più semplice, anche in virtù del risultato del primo tempo. La vittoria è arrivata con qualità, intensità e cattiveria che avevamo un po’ perso per strada. Spero che il risultato ci dia la consapevolezza che possiamo raggiungere l’obiettivo a patto che si giochi sempre con la giusta mentalità”.

Sugli episodi:

Il Carbonia era in partita a livello di possesso anche se nel primo tempo il nostro portiere non ha fatto interventi. Noi invece siamo stati pericolosi, la squadra si è sbloccata un po’ trovando il coraggio di andare a tirare in porta in diverse occasioni: Floris ha avuto una palla importantissima, Nurchi lo stesso, Demontis e Bregasi ci hanno provato da fuori. Ci vuole sempre un episodio per sbloccare le gare. Contro il Monterotondo potevamo essere 3-0 primo tempo poi abbiamo perso 1-2. Oggi se non fossimo stati bravi nel primo tempo, nel secondo avremmo sofferto diversamente. Però lì rientra la maturità del gruppo che sta capendo che non bisogna accontentarsi di un gol ma bisogna sempre stare in partita”.

Su Demontis e il mercato:

Abbiamo preso un profilo come Demontis perché a dicembre devi fare poche cose ma importanti. Mi dispiace il taglio di Saba, che io ritengo un giocatore fortissimo ma è stato falcidiato da problemi fisici che gli hanno impedito di far vedere quanto vale. Siamo dovuti correre ai ripari dove eravamo carenti dall’inizio del campionato, perché Demontis va a ricoprire il ruolo che era di Khalifa. Abbiamo lavorato tanto per sostituire Geroni che era il cervello della nostra squadra, adesso tanto per coprire quel ruolo che era di Khalifa: stiamo ricreando le qualità tecnico tattiche dell’anno scorso. Però voglio anche sottolineare la prova di Rossi che oggi ha fatto una prova che si può vedere in campi di due categorie superiori. Tutti davvero oggi sono andati bene. Quando fai gol, quando fai il secondo, è più naturale per i ragazzi fare bene: bisogna imparare a farlo anche quando c’è l’episodio negativo e là, in quei momenti, soprattutto con i giovani stiamo crescendo tanto. Si è visto oggi con i due quinti di difesa che un mese fa erano due giocatori diversi. L’obiettivo è crescere di pari passo con le nostre possibilità e non lasciare nulla di intentato per raggiungere i nostri fini”.

La Redazione

TAG:  Serie D
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti