agenzia-garau-centotrentuno

Estasi Olbia! | PAGELLE E INTERVISTE

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

La cronaca, il tabellino, i voti e i giudizi all’Olbia dopo il 3-1 alla Carrarese.

Grande vittoria dell’Olbia, che batte 3-1 la corazzata Carrarese al “Bruno Nespoli” e ottiene tre punti di prestigio e grande importanza per la sua lotta salvezza. In vantaggio con Varone (gol dell’ex) al 16′, i toscani vengono rimontati a cavallo dell’intervallo dai gol di Ragatzu (volèe di destro al 36′ su cross di Peralta) e Biancu (al 3′ della ripresa con un grande inserimento). Allo scadere il tris di Maffei, dopo che i sardi avevano sfiorato più volte il gol del KO e la Carrarese aveva colpito un palo con Luca Ricci all’86’.

Van der Want 6 – Inoperoso, incolpevole sul gol e salvato dal palo all’86’.
Pisano 6.5 – Sempre puntuale e battagliero, non sbaglia un intervento.
Iotti 7 – Mette la museruola a chiunque gli passi davanti, a volte alleggerisce con estrema personalità.
Bellodi 7 – Pugnace ed efficace, mai al posto sbagliato.
Pitzalis 7.5 – Mezzo voto in più per l’animo con cui gioca la sua prima da titolare, di fronte ha il migliore della Carrarese (Bentivegna) e lui lo limita il più possibile. Bravo anche in fase propositiva.
Biancu 7.5 – Il gol del 2-1 pesa in modo enorme, e arriva con un grande inserimento. Prima e dopo gioca una delle gare più solide della ancor giovane carriera. (62′ Vallocchia 6.5 – Ci mette il fisico per dare linfa vitale nel finale)
Muroni 7.5 – Padrone del centrocampo, autentico muro di fronte all’offensiva gialloblù.
Pennington 6.5 – Non benissimo col pallone tra i piedi ma tanta quantità dall’italo-australiano, che esce stremato (87′ Gemmi SV – Pochi minuti di lotta propizia)
Peralta 7 – Assist perfetto per il pareggio, poi tanto sacrificio e prontezza nel rilanciare l’Olbia. (62′ Ogunseye 6.5 – Entra benissimo e dà un appoggio alla manovra, tenendo l’Olbia alta e pericolosa)
Ceter 6 – Il voto è una media tra la sua capacità di dominare la scena e l’incapacità di fare gol ogni volta (e sono tante) in cui ne ha (o si crea dal nulla) la possibilità. Impossibile rinunciarci, quando imparerà ad essere cecchino potrà ambire a gradini superiori.
Ragatzu 7 – Gol da grande attaccante, assist da rifinitore sublime, in mezzo tanta voglia di portare il suo mattoncino. (86′ Maffei SV – Subito un cartellino giallo per un fallo veniale, poi esplode la gioia per il primo gol da professionista)
Allenatore: Michele Filippi 7 – Coraggio nel lanciare tre 2000 in campo, bravo (col suo staff) nel preparare e gestire un match sulla carta contro pronostico. L’Olbia del Filippi-bis è sicuramente più centrata e solida, stavolta premiata anche dal risultato.

Le parole di Michele Filippi (allenatore Olbia) dopo il match. “Poteva finire sicuramente con un grande punteggio, ma siamo a cercare il pelo nell’uovo. Mi piace sottolineare che abbiamo vinto con tre classe 2000 in campo, penso sia una primizia importante da sottolineare, che rimarca il grande lavoro che stiamo facendo. Si è visto un gruppo con tanti giovani validi, ambiziosi, giudiziosi, che hanno messo la loro disponibilità al servizio del gruppo. Bisogna migliorare nella finalizzazione, ma voglio sottolineare la prova corale, la solidità difensiva, la convinzione, capisaldi per ottenere risultati, al di là di numeri e sistemi di gioco. Non dimentico la partita di Cuneo, dove meritavamo molto di più, e questa vittoria dà ulteriore valore al punto di Alessandria. Dalla Pro Patria in avanti abbiamo fatto solo prestazioni positive, preferisco tenere un profilo basso di fronte ai giudizi. Amo la sobrietà, dobbiamo sottolineare le prestazioni come sempre fatto, perché vengono prima dei risultati, e nei momenti difficili le tue convinzioni ti sostengono. Ho sempre percepito sostegno da parte del club e sono felice di questo”. E’ sbagliato dire che la Carrarese sia il miglior avversario possibile per voi? “(ride, ndr) Loro interpretano la partita con un’idea ben precisa, che mette tutti in difficoltà, però la nostra vittoria è la riprova che le partite si giocano al di là dei numeri, del rombo o di altre cose. Abbiamo interpretato la partita giocando sulle loro criticità, andando a cercarci lo spazio oltre la loro linea difensiva, con poco palleggio, mettendo sempre la palla sopra come fanno spesso loro”. Un giudizio sull’ottima prova di Pitzalis: “Sono contentissimo di tutti, ovviamente Mattia merita una parola in più, con lui ho un rapporto ottimo sin dagli Allievi del Cagliari, si meritava questa chance che gli avevo preannunciato già a Busto Arsizio”. Una dedica speciale per la Curva: “Abbiamo bisogno del loro supporto, spero che tornino presto a sostenerci, siamo andati a dirglielo dopo la vittoria, perché i risultati vengono sempre da una coesione tra tifosi, squadra, società”.

Fabio Frongia (inviato a Olbia)

TAG:  Serie C