agenzia-garau-centotrentuno
Alessandro Marino e Max Canzi

Olbia | Marino: “Vittoria del gruppo”. Canzi: “Dobbiamo migliorare in difesa”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

L’analisi del presidente dell’Olbia Alessandro Marino e del tecnico Max Canzi dopo il successo dei galluresi in Serie C per 3-2 contro la Viterbese. Seconda vittoria in campionato per i bianchi in questo 2021-22

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Le parole del presidente

Sarebbe impossibile pensare di fare un campionato con 12-14 giocatori – dice il patron dei galluresi – , quando ho costruito questa  rosa non ho pensato a prendere dei comprimari ma solamente a dei giocatori che potessero dare mano in qualsiasi occasione. E oggi non si è sentita mancanza degli assenti. Magari il fatto che non ci fosse Ragatzu ha messo tutti sul piano di dare qualcosa in più in campo. Potevano esserci due reazioni dopo la gara con l’Ancona: perdere la bussola, o voler dimostrare di saper dare qualcosa di diverso. Alla luce della partita di oggi, la gara di Ancona può essere archiviata per me. Abbiamo vissuto una serie di circostanze negative, ma vi assicuro che abbiamo imparato la lezione. Il nostro attacco? Serve un rinforzo nel ruolo? Ci sono giocatori che andranno messi alla prova in quella posizione, il mister era contento dell’idea di ri-spostare Demarcus nel suo vecchio ruolo e non dimentichiamo che in Primavera fece capocannoniere, poi per vicissitudini è stato spostato da esterno e infine quarto di difesa. Può darci una mano anche lì, così come Mancini può darci opportunità di giocare delle palle lunghe e dei cross per sfruttare i colpi di testa. Questa è una squadra che quando è in difficoltà si appoggia sul gioco, cosa che all’inizio non faceva. Tutto sta capire se gli avversari ci stupiranno in futuro e se saremo bravi a trovare sempre soluzioni diverse. Il più difficile da sostituire sarebbe stato Biancu in questa rosa, quindi l’idea era di provare a mettere lì Palesi, che ha caratteristiche diverse. Facilitato però dalle line chiarissime dettate da Canzi. Brignani secondo me è un giocatore importante ma non vorrei dimenticarmi di Boccia, si rivelerà utile. A Pescara ha dimostrato capacità. L’importante credo sia rimanere umili e non appagati in questo campionato. Per me questo campionato assomiglia alla Serie A, ci sono 4-5 squadre con organici nettamente superiori e poi 15 squadre molto simili tra di loro, credo non ci sia tra queste una che prevale su un’altra, quindi dobbiamo cercare di arrivare in questo campionato a 15 il più in alto possibile“.

L’analisi del mister

Anche l’anno scorso è capitato di vincere in inferiorità e di perdere in superiorità, questa partita l’abbiamo impostata aspettandoli bassi. Loro sono una squadra che tatticamente gioca per farti uscire fuori. Sono quel tipo di gare che senza la giocata dell’uomo contro uomo non c’è grandissima differenza. Mi aspettavo questo loro schema.  Abbiamo però preso altri due gol, uno su palla inattiva dove si poteva evitare il fallo, l’anno scorso difendevamo su palle inattive in altro modo, e questa è la dimostrazione che i gol si prendono in un modo o nell’altro. Sul secondo, siamo stati poco aggressivi sul cross. Dietro devo rivedere i movimenti, ma sicuramente a monte c’è poca aggressività. Oggi è anche vero che dovevamo chiuderla prima perché poi rischi. Numericamente in attacco rispetto altre squadre siamo corti, non vuol dire sia negativo, quando ce li hai poi devi farli giocare i giocatori, così li tieni sull’attenti e dai più occasioni. Mancini? Era due anni che cercavamo un giocatore così, difficile trovarlo così perché spesso sono over e profili alti, credo oggi abbia fatto buona partita, e ha aiutato la squadra“.

Roberta Marongiu

TAG:  Olbia
 

Al bar dello sport

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti