agenzia-garau-centotrentuno
Michele Filippi, ex allenatore dell'Olbia | foto Emanuele Perrone

Filippi: “Ho capito cosa sbagliai”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

L’Olbia riparte da Michele Filippi per tentare di uscire dalla zona calda del Girone A della Serie C.

Nella conferenza stampa di inizio anno del club gallurese, ha parlato anche il neo allenatore dei Bianchi, tornato in panchina dopo l’esonero di Guido Carboni: “Ripartiamo per lavorare: ora l’importante è lavorare bene in campo poi vedremo cosa possiamo fare. Non penso sia così importante il sistema di gioco che adotteremo, ma è importante nella misura in cui c’è un metodo di lavoro dietro. Sono stato restio a cambiare per questo motivo e perché non ho neanche mai avuto tutti e tre gli attaccanti a disposizione durante la prima parte di stagione”.

“Si deve ripartire da dove ho lasciato- prosegue il tecnico cagliaritano- dalla sconfitta con l’Arzachena e quella col Gozzano atipica rispetto alle altre. Fin lì la squadra aveva avuto un andamento da playoff, con prestazioni important come la gara con la Pro Patria ad esempio, forse una vittoria passata inosservata”. Proprio da Busto Arsizio ripartirà l’avventura di Filippi con l’Olbia: “Dobbiamo recuperare i nostri obiettivi originari, cioè dare battaglia ad ogni partita, senza guardare la classifica così come facevamo prima: in questo campionato penso assumerà rilevanza solo da aprile in poi. Dobbiamo togliere gli apici avuti e far sì che ci sia sempre quello spirito, recuperare i contenuti e il giusto atteggiamento di alcune giornate. Forse, col senno di poi, mi do pochi errori sul lavoro in campo, ma errori gestione di alcuni comportamenti; mi riferisco al fatto che sarei dovuto essere meno duro in certe situazioni con persone attorno a me. L’esonero? Giustamente la società aveva fatto delle scelte, l’Olbia viene prima di tutto”.

TAG:  Serie C