Orgasmo Dinamo! Milano sotto 2-0

Milano contro Sassari, atto secondo, sempre al Mediolanum Forum. L’Olimpia è chiamata al riscatto, il Banco deve provare a mettere un’ipoteca sulla serie.

Pronti via e Vlado Micov indica la via ai padroni di casa, ma trova un insolitamente attivo Carter che tiene la Dinamo a contatto. Nelle prime battute si vede un altro impatto da Jack Cooley: su Tarczewski gravano subito un paio di falli e il 45 sassarese ne approfitta per segnare e tirare giù rimbalzi. James ha un conto aperto da Gara 1 e riprende a sparare dall’arco, e anche da più lontano. Sassari dall’arco, invece, non segna mai ma da due spreca raramente e con un paio di fiammate griffate Polonara e Gentile spezza le velleità milanesi. Solo l’ennesima tripla da dieci metri di Mike James manda l’Armani avanti alla pausa lunga. Il primo tempo si chiude 53-52.
La pausa lunga non pone fine alla performance da tre dell’Olimpia. Oltre al bombardamento milanese il Banco deve affrontare anche un certo nervosismo, figlio di qualche fischio dubbio che scalda gli animi e annebbia la vista. L’Armani continua a sparare dalla distanza, stringe le maglie in difesa e traccia il primo solco salendo sopra la doppia cifra. Sassari, però, è dura a morire, trascinata dalla grinta di Spissu e dalla mano ferma di Polonara. Il problema è sempre il solito James che quando non spara da casa sua illumina con passaggi da capogiro. La forza di Sassari è restare mentalmente in partita e trova il pari a 9 secondi dalla fine con una tripla di Pierre, forse la peggiore tentata in tutta la partita dal Banco, e manda la partita all’overtime. Il supplementare è un monologo sassarese: Milano spegne la luce, mentre la Dinamo trova delle energie insospettabili trascinata da un Polonara al limite del paranormale. Al Forum vince ancora Sassari 101-112.

Tabellino
James 32, Nedovic 9, Micov 21, Brooks 8, Kuzminskas 4, Burns 3, Cinciarini 2, Nunnally 17, Tarczewski 5, Della Valle, Fontecchio, Musumeci.
Smith 2, Pierre 21, Thomas 25, Cooley 13, Spissu 10, Gentile 15, Devecchi, Carter 7, Polonara 29, Magro, Diop, McGee 1.

Pagelle
Smith 5 – L’attesa di un suo ritorno in condizione comincia a farsi lunga.
Carter 6 – Impatto positivo in difesa, peccato i troppi falli.
Pierre 8 – Oggi ha preso botte in quantità, ma quando c’è da decidere lui c’è sempre.
Thomas 6,5 – Non è quello di due giorni fa. Va in “doppia-doppia” ma spesso si incaponisce troppo.
Cooley 6,5 – Riprende la lotta con Tarczewski e stavolta la vince, ma solo per i primi venti minuti.
Spissu 7 – Lotta su tutti i palloni e ci mette una bella dose di attributi.
Gentile 7 – Spettacolo meno strabordante di Gara 1 ma la prestazione è stra-positiva.
Devecchi sv
Polonara 9 – Achille piè veloce. Quando si corre, si sa, lui si esalta e si trascina dietro anche gli altri.
Magro sv –
McGee 5 – Smarrito. Passo indietro rispetto a una più comprensibile anonima Gara 1.
Pozzecco 7,5 – Quando litiga con Nunnally si teme il peggio, ma in realtà dà la scossa a tutta la squadra. Ancora una volta la sua forza è tenere mentalmente in partita la squadra nel momento più difficile, contro la prestazione mostruosa di Mike James. Se la Dinamo non muore mai da quando Poz è in panca, un motivo ci sarà.

Lello Stelletti

Sponsorizzati