agenzia-garau-centotrentuno

Parma, Pecchia: “Giocato meglio di loro nella ripresa, è mancata la fortuna”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram
sardares
sardares
sardares
signorino

Le parole in sala stampa dell’allenatore del Parma Fabio Pecchia dopo lo 0-0 del Tardini contro il Cagliari che, sommato alla sconfitta 3-2 dell’andata, ha decretato l’uscita dei gialloblù dalla semifinale playoff.

La partita e l’arbitraggio
“La domanda sugli arbitri va fatta ad altri, sono orgoglioso dei ragazzi e tutta la città deve esserlo. Volevamo la finale ma abbiamo fatto un percorso importante. Sembrava che mancasse sempre qualcosa a questa rosa e invece è stato un grande crescendo. Vedere questo Tardini è bellissimo, abbiamo dato tutto fino all’ultimo contro una squadra forte. Abbiamo dato 180’ con personalità, soffrendo e attaccando. Il calcio però è così, siamo dispiaciuti per la rete di Bonny e c’è poco da aggiungere”.

Score di martedì
“Era normale, ma dall’altra parte c’era un’altra squadra che poteva gestire. Loro nel secondo tempo non hanno tenuto il nostro ritmo e siamo stati più bravi. Ci è mancata un pizzico di buona sorte e avremo meritato qualcosa in più. Abbiamo concesso solo qualche ripartenza. Resta ora l’amarezza”.

Legame con la città
“Il legame con la città visto in serata come punto di ripartenza? Sì, questo è uno spot per il calcio. Siamo un esempio rispetto ad altri messaggi negativi. Ho visto una grande manifestazione d’affetto. Poi resta il risultato che brucia”.

Differenze
“Cosa ha fatto la differenza nelle due gare? Non saprei. Se resto? Se non mi cacciano certo”.

Singoli
“Sono mancati alcuni giocatori di qualità? Sì, noi abbiamo bisogno della qualità. Vinci le partite solo con qualità. Man a sinistra ha fatto leggermente meglio, ma non era semplice. Camara è entrato bene, idem Bonny. Serviva un guizzo in più. Una giocata, così come è stato sulla rete annullata. Solo così si sarebbe rotto l’equilibrio”.

Cambi
“Non ho cambiato all’intervallo perché stavamo bene in campo. Se rigiocherei quella ripresa di Cagliari? Insistete sempre sugli stessi temi. Noi abbiamo giocato da squadra anche nel secondo tempo. Abbiamo fatto un primo tempo da goduria. Un secondo tempo che ci può stare ma dove non abbiamo subito nulla. Loro l’hanno ribaltata e ormai è andata”.

Come ripartire
“Ora stacchiamo, stiamo a casa con la famiglia. Il risultato ora brucia, ma abbiamo un grande club con una grande struttura, possiamo ripartire con entusiasmo. Possiamo costruire un percorso importante”.

Rigore
“Al triplice fischio ho ripensato alla partita di Cagliari, ma ho amato i miei per come hanno giocato. Fino all’ultimo ci hanno creduto. Rigore nel primo tempo? Io l’ho visto come l’ha visto Orsato, ma di cosa parliamo dai”.

Roberto Pinna

Notifiche
Avvisami se ci sono
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti