agenzia-garau-centotrentuno

Pastori al tavolo: “Ministri molto bravi”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Giovedì romano con vertice pastori-governo, weekend caldo in Sardegna.

Nessuna fumata bianca. Dall’atteso confronto romano di giovedì, con il vice-premier Salvini e il Ministro dell’Agricoltura Centinaio, i pastori sardi non hanno spuntato l’atteso rialzo sul prezzo del latte. L’obiettivo di quota 1 euro al litro non è stato raggiunto, con il governo che ha proposto subito un innalzamento di 10 centesimi sulla cifra di 60 centesimi al litro.

Trattative ad oltranza, promette Salvini, fino a quando non si troverà un accordo. Di fronte a lui gli imprenditori, i consorzi, le cooperative, gli industriali e i rappresentanti dei territori. Tutti motivati, sotto il sole della capitale, a svoltare in una vertenza che dura da giorni per quanto riguarda le plateali proteste con il latte versato sulle strade della Sardegna.

“Stiamo uniti, senza bandiere o colori”, fanno sapere i manifestanti fuori dal Viminale, perché “l’unico colore è quello del latte”. Nessuna intenzione di accettare una cifra inferiore all’euro per litro, “perché produrlo costa 74 centesimi e la situazione attuale è una rovina”.

Dopo l’estenuante vertice, secondo quanto trapela dai rappresentanti dei pastori presenti, c’è stanchezza e dispiacere per il mancato accordo, ma anche fiducia. “Dobbiamo stare calmi, la gente non deve sbagliare ora – dicono – Sabato e domenica Centinaio sarà in Sardegna per mediare ancora, i presidi nel weekend vanno mantenuti, il tavolo è aperto e il governo ha promesso l’impegno per trovare un accordo. Vediamo cosa fanno i ministri, sono stati però molto bravi. Bisogna stare tutti tranquilli”.