Pavoletti: “Curva? Non siamo andati perché…”

Il livornese parla anche del clima ostile dei tifosi nei confronti della squadra.

Dopo il KO contro l’Atalanta Leonardo Pavoletti era andato a parlare con gli ultras della Curva Nord. Stavolta lui e la squadra sono rimasti a centrocampo. “A volte ci meritiamo le critiche, penso a Empoli e Sassuolo, ma contro l’Atalanta si era vista una reazione, anche dopo il confronto con gli ultras. Contro l’Atalanta si era visto il carattere. In questo momento dobbiamo essere bravi noi a portarci il pubblico dietro, un mese fa tutti ci applaudivano per lo spirito, non penso che tutto possa essere cambiato. Dico solo che se ci aiutano le cose diventano più semplici. Non ci siamo avvicinati perché l’impressione è che non ci volessero molto lì sotto”, afferma con il solito sorriso. Da segnalare, dopo il match, anche la tensione fuori dal settore Distinti, tra alcuni ultras e una parte dell'”altro pubblico” che lasciava la Sardegna Arena; non si è andati oltre offese verbali, con la polizia a monitorare il tutto.

Più difficile il primo o il secondo gol? “Il primo perché era di piede (scherza Pavoletti, ndr), devo dire che sono contento perché sono due reti da Pavoletti, da centravanti, e sopratutto importantissime. Ci voleva questa vittoria, questa prestazione di cuore, e ovviamente anche i miei gol pesanti. Siamo stati una squadra vera”. Con l’espulsione di Joao Pedro là davanti è sempre più penuria. “Mi dispiace per il suo rosso, secondo me non lo meritava, ero vicino a lui; vedremo un Cagliari ancora più di cuore nell’emergenza, ne sono sicuro. Dovevamo darci una scossa, oggi c’era la mentalità giusta dall’inizio, anche se avessimo perso avremmo meritato applausi perché era una grande Cagliari. Non accontentiamoci, prendiamo più punti possibile”. Sul duello con Bruno Alves: “E’ bello sfidarlo, ci si picchia ma c’è grande serenità e mai cattiveria, un bell’avversario”. Ora la Sampdoria: “Se perdiamo lì si rimette male, quindi testa bassa a lavorare. Speriamo che quello stadio continui a portarmi bene, è un po’ un derby per me ma mi interessa soprattutto fare punti”.

Leggi qui le altre dichiarazioni post-partita di Pavoletti!

Sponsorizzati