Pavoletti: “Spero di tornare a marzo”

L’attaccante del Cagliari Leonardo Pavoletti ha rilasciato una lunga intervista al settimanale GQ Italia: eccone un breve estratto.

Sull’infortunio: “Non ne faccio un dramma e non dico che sono sfortunato: sto lavorando sodo, spero di tornare a marzo. A giugno ci sono gli Europei, voglio convincere Mancini in quei pochi mesi. Per ora il gol in Nazionale rappresenta il punto più alto della mia carriera”.

Sul momento del Cagliari: “È bellissimo, è cambiata la mentalità, ora si ragiona da grande squadra. La qualificazione in Europa è un sogno e sognare è un diritto”

Il livornese parla poi del calcio: “Seriamente non mi diverte giocarci, si tratta di un lavoro e lo faccio al meglio. Sono un tipo strano, a casa non guardo quasi mai le partite in TV, troppa ansia”.

Pavoletti offre poi la sua opinione su temi spinosi come il razzismo e l’omosessualità: “Una situazione desolante, lo stadio è lo specchio della nostra società: penso con tristezza a questi poveri ragazzi di colore, non hanno nessuna colpa. È impossibile che non ci siano gay nel calcio , mi spiace che si nascondino ma il nostro è un mondo maschilista e posso capirlo”.

 

avatar
500

Sponsorizzati