agenzia-garau-centotrentuno
Gianmarco Pozzecco | Foto Luigi Canu

Pozzecco: “Non era facile rimanere concentrati”

Scopri il nostro canale su Telegramle-notizie-di-centotrentuno-su-telegram

Il coach della Dinamo Sassari Gianmarco Pozzecco ha commentato così dopo la larga vittoria contro la Virtus Roma. 

bianchi-immobiliare-centotrentuno

Roma chiaramente era ridotta ai minimi termini, il risultato della partita non ci da grandi indicazioni, ma questa partita mi ha dato due conferme: Piero Bucchi è una grande persona, sono pochi come lui, una persona corretta e ho cercato di voler essere come lui in una partita in cui avrei messo dentro anche i miei assistenti. Eravamo però in una condizione in cui abbiamo dovuto giocare ruotando i nostri giocatori. La seconda conferma è il rispetto e la stima che avevo già per tutti loro ragazzi, sono stati bravi a rimanere concentrati e fare quello che dovevamo fare a un certo punto, cioè un allenamento. Continuo a essere perplesso come in conferenza: siamo contenti di giocare, di far vedere basket alle persone, ma alla lunga capiremo se certe decisioni sono giuste o sbagliate”. 

“Sono contento per Kruslin, ma siamo in difficoltà perché giocheremo la partita di dopo domani un po’ rimaneggiati- prosegue il tecnico-. Non mi piace parlare di queste cose qua, siamo in una buona condizione qua al Geovillage e preferirei di parlare di quanto sia bello vivere. Questo perché non che abbia paura di prendere il covid, ma sento la responsabilità su tutti i ragazzi. La facilità di tiro? Mi auguro che la caratteristica di non aver paura di tirare si possa mantenere anche in situazioni più complicate: ci passiamo la palla volentieri e bene, abbiamo spirito e disponibilità nel vedere il compagno libero. La prima virtù che deve avere la squadra che vuole giocare insieme in campo è quella di passare la palla. Abbiamo costruito una squadra con buoni tiratori e con gioco interno, oggi paghiamo un po’ le assenze e non riusciamo ad esprimere il potenziale quello che volevamo costruire con Stefano, Federico e gli assistenti. Quello che abbiamo disegnato lo stiamo vedendo un po’ in campo, abbiamo due giocatori in meno, oggi Gentile ha giocato un po’, ma vediamo dopo domani. Ripeto l’importante è essere qua e giocare felici”.

 
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti