Impresa Cagliari, Napoli CASTRato

Il Cagliari compie l’impresa battendo il Napoli al San Paolo per 1-0.

Decide un gol di Lucas Castro all’87’, abile a colpire in ripartenza negli ultimi minuti di una gara di sacrificio e dedizione della truppa di Rolando Maran. Tre punti preziosissimi e uno scalpo importante per i sardi che riescono a sbancare un campo dove non passava da 12 anni con l’unico tiro in porta della gara.

LA CRONACA: Inizio promettente dei rossoblu, Joao Pedro lavora un buon pallone e imbuca per Simeone anticipato in uscita da Meret. Chiara da subito la trama della gara con i partenopei che fanno la gara e i sardi a cercare di ripartire in ripartenza: al 10′ strappo di Rog per Simeone chiuso da Di Lorenzo prima di entrare in area. Al 13′ prima occasione per il Napoli che approfitta di una palla persa a centrocampo, Mertens serve Lozano il cui tiro viene rimpallato in corner. La squadra di Maran si mette a 5 in fase difensiva (Nandez e Lykogiannis esterni, con Cacciatore nei tre di difesa) e nella prima mezz’ora gli Azzurri non trovano chance e rimangono invischiati nella trappola del fuorigioco. Al 35′ il Cagliari si riaffaccia nell’area avversaria, Joao Pedro scarica per Nandez che manda alto di destro in diagonale. Tre minuti dopo chance per Zielinski che tira a lato di prima intenzione dopo una respinta corta della difesa. Al 41′ ottima occasione per Insigne: il 24 azzurro tira a colpo sicuro da pochi passi su Olsen che copre bene lo specchio e respinge col ginocchio.

Anche nella ripresa il primo squillo è degli ospiti con Ionita che colpisce di testa di poco alto su cross di Rog. Al 52′ brivido per il Cagliari, incornata centrale di Manolas con Olsen che fa suo il pallone in due tempi. Le occasioni per il Napoli arrivano sempre su corner: dopo la chance di Manolas, è Mertens a manca l’appuntamento col pallone sulla torre di Di Lorenzo. Al 58′ ancora una piccola incertezza del portiere svedese sul tiro velenoso di Zielinski, ma sul l’angolo successivo Olsen è prodigioso sullo stacco di testa di Koulibaly. La squadra di Ancelotti aumenta la pressione e il palo esterno viene baciato dalla conclusione di Mertens, abile a passare davanti a Klavan sul Cross di Callejon. Il belga viene fermato dal montante anche qualche istante dopo, quando approfitta di un buco di Rog per calciare a rete sul palo esterno. Ancelotti pesca dalla panchina Llorente che si rende subito pericoloso con una sponda per Mertens, anticipato all’ultimo momento da Pisacane. Girandola di cambi per le due compagini: Maran si affida a Castro e Cerri, mentre il collega tenta il tutto per tutto con Milik per Insigne. Il Napoli ci prova con i traversoni, Callejon per Llorente che fa la barba al palo con Olsen sulla traiettoria. Gli ultimi minuti sono un assedio all’amore,rotazione sola panza: Koulibaly (in presunto fuorigioco) e Llorente sfiorano il gol con la testa, ma è il Cagliari a gelare il San Paolo: ripartenza rossoblu, Nandez crossa un pallone perfetto per la testa di Castro che batte Meret. Subito le proteste dei padroni di casa per un fallo su Llorente nell’azione del gol, Koulibaly esagera e viene allontanato dall’arbitro. L’assalto finale del Napoli è sterile e il Cagliari può festeggiare una pesantissima vittoria.

Matteo Porcu

Napoli-Cagliari 0-1

Napoli (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Maksimovic (46′ Koulibaly), Mario Rui; Callejon, Allan, Ruiz, Insigne (73′ Milik), Mertens, Lozano (64′ Llorente). All. Ancelotti

Cagliari (4-3-1-2): Olsen; Cacciatore, Pisacane, Klavan, Lykogiannis; Nandez, Oliva, Ionita; Rog (71′ Castro), Joao Pedro (99′ Ceppitelli), Simeone (73′ Cerri). All. Maran

Marcatori: 87′ Castro

Ammoniti: Rog (C), Allan (N)

Espulsi: 88′ Koulibaly

Sponsorizzati